Covid-19, neomamme: aumentate le visite di salute mentale

16 giugno 2021
Aggiornamenti e focus

Covid-19, neomamme: aumentate le visite di salute mentale


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Le visite di salute mentale per le donne che hanno partorito sono aumentate del 30% durante la pandemia rispetto al periodo precedente, in particolare nei primi tre mesi dopo il parto, secondo uno studio pubblicato su CMAJ (Canadian Medical Association Journal). «L'aumento dei tassi di visita è iniziato nel marzo 2020, sebbene lo stato di emergenza sia stato dichiarato solo a metà del mese, il che suggerisce che il disagio legato alla pandemia si è tradotto molto rapidamente in un aumento del bisogno di cure» afferma Simone Vigod, del Women's College Hospital (WCH), e dell'ICES, a Toronto, in Canada, che ha diretto il gruppo di lavoro.

Covid-19: aumento di ansia, depressione, uso di alcol e droghe


I ricercatori hanno esaminato le visite di salute mentale di 137.609 persone in Ontario durante il periodo post-partum (dalla data di nascita a 365 giorni dopo) da marzo a novembre 2020, e hanno raccolto dati su età, numero di bambini, reddito e varietà di etnia del quartiere, e regione di residenza. Durante il periodo di studio, le visite di salute mentale sono state più numerose rispetto a prima della pandemia, specialmente in casi di genitori con ansia, depressione e disturbi da uso di alcol e droghe. Le persone che vivevano nelle unità sanitarie del nord hanno avuto aumenti relativamente bassi dopo luglio 2020, forse per via delle minori restrizioni per Covid-19 in quelle aree durante l'ultimo periodo. Il modo in cui le cure sono state fornite durante il periodo della pandemia è stato diverso rispetto al periodo precedente, infatti l'84,8% delle visite di salute mentale post-partum è stato effettuato in modalità a distanza nell'aprile 2020 rispetto a solo il 3,1% delle visite nel periodo pre-pandemico.

Covid-19: un aiuto dall’assistenza virtuale


Gli autori suggeriscono che un maggiore uso dell'assistenza virtuale potrebbe aver rimosso le barriere al supporto per la salute mentale dopo il parto, come la necessità di viaggiare, trovare assistenza all'infanzia per i bambini più grandi o gestire orari irregolari, consentendo a più persone di cercare in effetti un aiuto. Le pazienti nei quartieri a reddito più basso hanno avuto il minor aumento delle visite di salute mentale rispetto alle persone in altri quartieri, cosa che gli autori hanno notato con sorpresa. «Ciò solleva una certa preoccupazione per il potenziale bisogno insoddisfatto perché i pazienti a basso reddito possono avere maggiori barriere all'accesso alle cure, inclusa la difficoltà a reperire la tecnologia richiesta o a trovare uno spazio privato per partecipare ad appuntamenti virtuali, o minori opportunità di partecipare appuntamenti "in diretta" a causa dell'occupazione in posti di lavoro in prima linea» commentano gli esperti.

Fonte: Doctor33

Riferimenti bibliografici:

Tags:

In evidenza:

Speciale Coronavirus:

...e inoltre su Dica33: