Epilessia

09 settembre 2019

Epilessia



Indice


Definizione


L'epilessia è una patologia caratterizzata dalla comparsa ricorrente di alterazioni transitorie della funzione cerebrale, di grado variabile (crisi epilettiche). Le crisi epilettiche sono causate dall'attività elettrica eccessiva e incontrollata di un gruppo di cellule nervose che si manifesta all'improvviso e finisce rapidamente senza lasciare conseguenze.

Gli attacchi epilettici possono essere molto diversi tra loro a seconda dalla sede in cui ha  origine il cortocircuito, per questa estrema variabilità si parla in genere di "epilessie".
La crisi può coinvolgere un numero limitato di cellule nervose (epilessie focali) o essere un fenomeno diffuso ad ampie aree della corteccia cerebrale (epilessie generalizzate). Esiste poi la crisi parziale con generalizzazione secondaria, in cui da un interessamento inizialmente localizzato il corto circuito arriva a coinvolgere entrambi gli emisferi cerebrali. 
Estremamente variabile è anche la periodicità delle crisi: in alcune forme le crisi possono verificarsi una o due volte in altre con una frequenza pluriquotidiana.

L'epilessia non è una malattia rara, si tratta al contrario di una delle patologie neurologiche più diffuse e in Italia interessa almeno 500 mila persone. Ancora oggi all'epilessia è associato uno stigma che provoca conseguenze  sulla sfera sociale, personale e lavorativa di chi è colpito dalla malattia. Per questo viene spesso celata.

Per approfondire: cancellare i pregiudizi


Cause


Gli attacchi epilettici possono presentarsi anche in persone sane, per molteplici cause (come iperpiressia, disturbi metabolici, lesioni cerebrali), ma si parla di epilessia solo quando le crisi sono ricorrenti. L'epilessia può essere primaria (idiopatica) o secondaria, quando compare in conseguenza di altre malattie o fattori. Tra le cause note dell'insorgenza della malattia vi sono oltre a danni cerebrali alla nascita, malformazioni cerebrali, malattie infettive del sistema nervoso, traumi cranici gravi, ritardo mentale, tumori cerebrali, ictus. Nel 50% dei casi l'epilessia compare però in apparente assenza di cause.

Nei pazienti epilettici, una crisi può essere scatenata da traumi, farmaci, stress fisici o emotivi o privazione del sonno.


Sintomi

Generalmente, le crisi epilettiche hanno una durata relativamente breve, da pochi secondi a qualche minuto. Si possono manifestare con convulsioni (contrazioni e spasmi muscolari), perdita della coscienza (nelle crisi generalizzate), movimenti incontrollati, sensazioni anomale (odori, parestesia, formicolii), disturbi psichici, perturbazioni del sistema nervoso autonomo. L'entità e le caratteristiche dei sintomi variano a seconda dell'area cerebrale interessata.

Durante una crisi è fondamentale agire correttamente per aiutare il malato.

Per approfondire: regole di primo soccorso


Diagnosi

Il medico pone diagnosi di epilessia sulla base della descrizione dettagliata di sintomi, durata e frequenza degli attacchi e dell'elettroencefalogramma (EEG). Questo test consente di registrare l'attività elettrica del cervello e generalmente è in grado di identificare anomalie anche al di fuori di una crisi. Possono anche essere usati fattori stimolanti come luci intermittenti o la privazione del sonno. La TAC e la RMN possono essere utili per escludere eventuali traumi cranici o tumori cerebrali. La malattia  può presentarsi in un qualsiasi momento della vita, con due picchi di massima incidenza: il primo anno di vita e l'età anziana.


Cure

L'epilessia viene curata con l'uso di farmaci anticovulsivanti, in grado di prevenire la comparsa di crisi convulsive nella maggior parte dei pazienti. Non esiste un farmaco in grado di controllare tutti i tipi di crisi convulsive: la terapia deve essere scelta e testata sul singolo paziente. Alcuni soggetti devono assumere più di un farmaco. Anche il dosaggio deve essere personalizzato, identificando la dose minima in grado di bloccare le crisi con i minori effetti collaterali.

La terapia antiepilettica deve essere assunta per molti anni, se non per tutta la vita. Sono pochi i casi di reale guarigione. Per definirsi guarita una persona deve essere libera da crisi per dieci anni, e non avere assunto la terapia farmacologica antiepilettica negli ultimi cinque. Esista comunque una quota di pazienti che non risponde alla terapia farmacologica.

In alcuni casi di epilessia farmacoresistente, e in età infantile, dovrebbe essere considerata l'opzione della chirurgia.

Per approfondire: la parola all'esperto

Per approfondire: benefici della musicoterapia


Alimentazione e stile di vita

I soggetti con sindrome epilettica non devono consumare bevande alcoliche. Inoltre, sono state segnalate crisi provocate da allergie o intolleranze alimentari: è consigliabile prendere nota di ciò che si mangia in un diario ed eventualmente adottare una dieta a esclusione se ci sono sospetti verso qualche alimento in particolare.

Per approfondire: epilessia in viaggio


Principi attivi

Di seguito è riportato l'elenco dei principi attivi maggiormente utilizzati nella cura di questa patologia. E' sempre necessario consultare il proprio medico per la scelta del principio attivo e la posologia più indicati per il paziente.



Vedi anche:


Ultimi articoli
Paura da ascensore: come superarla
11 settembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Paura da ascensore: come superarla
Mal di testa: i 10 cibi da evitare
31 agosto 2019
Notizie e aggiornamenti
Mal di testa: i 10 cibi da evitare