Covid-19 e tumori: educare i pazienti all’aderenza alla terapia

09 luglio 2021
Aggiornamenti e focus

Covid-19 e tumori: educare i pazienti all’aderenza alla terapia



Nel 2020 a causa della pandemia sono stati trattati circa 19.000 malati oncologici in meno rispetto all'anno precedente. È quanto emerso dal webinar "Aderenze alle terapie in oncologia" promosso e organizzato dalla Fondazione Insieme contro il Cancro in collaborazione con Ciat (Comitato italiano per l'aderenza alla terapia). "Le terapie orali sono sempre più importanti e utilizzate per il trattamento di molte patologie oncologiche - afferma Francesco Cognetti, presidente di Insieme Contro il Cancro -. Rappresentano circa un quarto delle molecole in fase di sviluppo e questa modalità d'assunzione presenta dei grandi vantaggi soprattutto in questo momento storico complesso contraddistinto dal Covid-19. Possono infatti ridurre gli accessi e i costi ospedalieri e impattare positivamente sulla qualità di vita di malati e caregiver".

Nonostante i possibili vantaggi, aggiunge Cognetti, ci sono comunque delle criticità nell'utilizzo di queste terapie, prima fra tutte la scarsa o non corretta aderenza. "La tendenza rilevata è quella di non assumere regolarmente le terapie per sottovalutazione dei rischi o per paura degli effetti collaterali. È lo stesso fenomeno riscontrato nella metà dei pazienti cronici colpiti da malattie come diabete, ipertensione o ipercolesterolemia. Nella gestione del cancro questo può avere effetti molto gravi. Per esempio, nel carcinoma della mammella se l'aderenza alla terapia endocrina adiuvante è inferiore all'80% aumenta il rischio di recidiva o scarsa sopravvivenza. È quindi evidente che bisogna alfabetizzare gli oltre 3 milioni di persone che nel nostro Paese vivono con una diagnosi di tumore".

Tags:

In evidenza:

Speciale Coronavirus:

...e inoltre su Dica33: