Covid-19, vaccinare i ragazzi? Le risposte dei pediatri

06 settembre 2021
Aggiornamenti e focus

Covid-19, vaccinare i ragazzi? Le risposte dei pediatri



In attesa della ripartenza delle scuole, vista la situazione di permanenza delle condizioni pandemiche si intensifica la campagna vaccinale per i ragazzi dai 12 ai 18 anni. In Lombardia, per esempio da lunedì 6 settembre a domenica 12, i ragazzi tra i 12 e i 19 anni potranno vaccinarsi senza prenotazione in tutti i centri vaccinali della Lombardia. Se i dubbi di molte famiglie restano, i pediatri della Società Italiana di Pediatria, provano a dare delle risposte.

Il vaccino è sicuro anche per i ragazzi


Sono otto domande e otto risposte preparate dai pediatri della Società Italiana di Pediatria per riassumere i dubbi dei genitori, risposte che risultano molto utili in questo momento di rientro a scuola e delle attività extrascolastiche, a chi ancora non sa se vaccinare i propri figli.

Secondo gli esperti della SIP il vaccino è sicuro ed efficace. La sicurezza di Comirnaty l'unico autorizzato in Italia per la fascia di età - nei 12-15enni è basata sull'analisi dei dati raccolti nello studio su 2260 adolescenti. Le reazioni avverse più frequenti sono state dolore in sede di iniezione (>90%), stanchezza e cefalea (>70%), dolore muscolare e brividi (>40%), artralgia e febbre (>20%). Le reazioni sono generalmente di intensità lieve o moderata e si risolvono in 1-2 giorni.

Otto domande, otto risposte


Vediamo le otto domande più frequenti e le risposte dei pediatri SIP:

Perché è importante vaccinare bambini e adolescenti?
Anche i bambini senza patologie pregresse sono a rischio di ricovero e devono essere protetti con la vaccinazione. Lasciare una fascia di popolazione scoperta porta il rischio di nuove epidemie con tutte le conseguenze viste nei mesi di pandemia. Non bisogna dimenticare che oltre alle conseguenze dirette dell'infezione ci sono anche gli effetti secondari dell'isolamento sociale. Per questo motivo è importante vaccinare tutti i bambini e gli adolescenti dai 12 anni in su.

È opportuno controllare se si hanno gli anticorpi prima della vaccinazione?
Come evidenziato dall'Organizzazione Mondiale della Salute i test sierologici possono generare falsi positivi o falsi negativi, con gravi conseguenze che possono influenzare le misure di prevenzione e controllo delle infezioni. Il test sierologico prima del vaccino non è consigliato.

Bisogna assumere paracetamolo prima della vaccinazione?
L'assunzione di antinfiammatori o paracetamolo prima della vaccinazione COVID-19, per prevenire effetti avversi, potrebbe ridurre la risposta immune dell'organismo al vaccino. Paracetamolo o altri antinfiammatori non steroidei dei come ibuprofene, possono essere invece assunti dopo la vaccinazione per gestire eventuali effetti collaterali.

Qual è la relazione tra vaccino COVID-19 e miocardite?
Sono stati segnalati, in alcuni paesi tra cui USA e Israele, nuovi casi di miocardite post vaccino COVID-19 negli adolescenti. In generale è difficile stabilire un collegamento diretto e certo con la vaccinazione COVID-19. Tutti i casi di miocardite ad oggi riportati sono stati comunque di modesta entità e si sono risolti con le specifiche cure mediche.

Bambini con allergie o asma possono vaccinarsi?
Tutti i bambini con asma allergico controllato e allergie possono essere vaccinati. Chi ha avuto reazioni anafilattiche in passato deve rimanere in osservazione 60 minuti. Per i bambini che hanno allergie note ai componenti del vaccino è importante consultare un allergologo e fare le vaccinazioni in ambiente protetto. Anche per i bambini e i ragazzi affetti da celiachia non esistono controindicazioni alla vaccinazione.

I bambini con malattie croniche devono vaccinarsi?
È importante offrire la vaccinazione ai bambini con malattie croniche, dal momento che corrono rischi maggiori di morte e ricovero in ospedale. È importante contattare i medici specialisti curanti per una gestione personalizzata della vaccinazione.

La vaccinazione può causare infertilità?
I dati di letteratura scientifica, gli studi e l'assenza completa di basi teoriche credibili non confermano che si possa collegare il vaccino Covid-19 a problemi di infertilità femminile o maschile.

Il vaccino può causare trombosi?
Non è stato segnalato un aumento significativo di casi di trombosi o trombosi trombocitopenica associato alla vaccinazione con vaccini a mRNA. La vaccinazione non è controindicata per chi ha avuto una trombosi o problemi di coagulazione. Quindi non sono consigliati esami pre-vaccinali per valutare lo stato coagulato né terapie preventive con ASA o altri farmaci.

Fonte: Società Italiana Pediatria

Tags:

In evidenza:

Speciale Coronavirus:

...e inoltre su Dica33: