I vaccini a mRNA riducono il rischio di infezione Covid-19

30 agosto 2021
Aggiornamenti e focus

I vaccini a mRNA riducono il rischio di infezione Covid-19



Secondo una analisi dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), i vaccini a mRNA per il Covid-19 riducono il rischio di infezione del 91% dopo due dosi e dell'81% dopo una dose. La vaccinazione rende, inoltre, la malattia più lieve e più breve per le poche persone vaccinate che contraggono il Covid-19.

Gli ultimi risultati dello studio Heroes-Recover del Cdc


Lo studio ha valutato i dati sanitari di 3.975 operatori sanitari, primi soccorritori, lavoratori in prima linea ed essenziali. I partecipanti, che avevano maggiori probabilità di essere esposti a Covid-19 a causa della natura del loro lavoro, hanno effettuato test settimanali Sars-CoV-2 per 17 settimane. I test diagnostici sono stati condotti tramite tamponi nasali auto-raccolti. I partecipanti sono stati seguiti nel tempo e i dati sono stati analizzati in base allo stato di vaccinazione. Per valutare i benefici del vaccino, i ricercatori hanno tenuto conto della circolazione del virus SARS-CoV-2 nell'area e di come i partecipanti abbiano utilizzato costantemente i dispositivi di protezione individuale (Dpi) al lavoro e nella comunità. I risultati mostrano che i vaccini hanno ridotto il rischio di infezione del 91% nelle persone che erano state completamente vaccinate, ovvero dopo 2 settimane dalla loro seconda dose, e dell'81% nelle persone parzialmente vaccinate, da 14 giorni dopo la prima dose a 13 giorni dopo la seconda dose.

Malattia piĆ¹ lieve e breve nei soggetti vaccinati


I ricercatori hanno anche scoperto che le persone completamente e parzialmente vaccinate che hanno ancora contratto il Covid-19 avevano maggiori probabilità di avere una sintomatologia più lieve rispetto a quelle non vaccinate. In media, le persone vaccinate che hanno contratto il Covid-19 hanno trascorso circa 6 giorni in meno a sentirsi male e 2 giorni in meno a letto. Rispetto alle persone non vaccinate, coloro che hanno ricevuto una o entrambe le dosi del vaccino avevano anche una probabilità inferiore fino al 66% di sviluppare sintomi come febbre e brividi. Altri studi hanno scoperto che le persone vaccinate che contraggono il coronavirus hanno carica virale inferiore. Di conseguenza, è meno probabile che trasmettano il virus ad altre persone. Nel complesso, i risultati aggiungono prove reali che i vaccini Covid-19 sono il modo migliore per ridurre il numero di casi Covid-19, ridurre al minimo le malattie gravi e fermare la diffusione.

Paolo Levantino
Farmacista clinico

Fonte: Farmacista33

Tags:


In evidenza:

Speciale Coronavirus:

...e inoltre su Dica33:
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa