Attività sessuale e innalzamento pressione sanguigna

24 febbraio 2006

Attività sessuale e innalzamento pressione sanguigna


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


23 gennaio 2006

Attività sessuale e innalzamento pressione sanguigna

Caro Dottore,
il mio ragazzo 36 anni, dopo una inatensa attività fisica ha la pressione attorno ai 140 minima e 180 massima.
E' rischioso?
Premetto che è sportivo, non fumatore, cura l'alimentazione, unico neo ogni tanto eccede con l'alcool. .

Risposta del 27 gennaio 2006

Risposta a cura di:
Dott. ALESSANDRO ROMANO


IN UNA SITUAZIONE DI RIPOSO NON SONO NORMALI QUEI VALORI PRESSORI. iN SITUAZIONI DI ATTIVITA' INTENSA LA MASSIMA PU0' ANCHE SUPERARE IL VALORE DI 180 MA LA MINIMA NON PUO' ECCEDERE I 90-100 MMHG.

Dott. alessandro romano
Specialista attività privata
Ricercatore
Specialista in Chirurgia maxillo facciale
Specialista in Odontoiatria
ROMA (RM)

Risposta del 24 febbraio 2006

Risposta a cura di:
Dott. GIANCARLO RUGGIERI


Ma prima dell'attvità fisica, quando è in condzioni di riposo, qual'è il livello della sua pressione arteriosa ? Si controlli accuratamente la pressione arteriosa in vari momenti della giornata ed in condizioni di vita abituale, oltrre che prima fare 'attvità fisica e quindi si rivolga ad un medico : se già i primi controlli rivelassero una condizione costante di pressione elevata, si rivolga subito ad un medico : in questo caso, se vi è disponibilità nel liogo ove vive, ad un Ambulatorio di Nefrologia.

Dott. Giancarlo Ruggieri
Specialista in Malattie del fegato e del ricambio
Specialista in Nefrologia


Ultime risposte di Malattie infettive

Tags:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Morsi di zecca, come comportarsi
Malattie infettive
30 luglio 2021
Notizie e aggiornamenti
Morsi di zecca, come comportarsi
Variante Delta, ecco le 10 regole da seguire
Malattie infettive
22 luglio 2021
Speciale Coronavirus
Variante Delta, ecco le 10 regole da seguire
Covid-19, intelligenza artificiale, un aiuto alla ricerca
Malattie infettive
15 luglio 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, intelligenza artificiale, un aiuto alla ricerca