Cistite perenne

22 aprile 2019

Cistite perenne





18 aprile 2019

Cistite perenne

Sono una signora di 42 anni permetto che soffro di endometriosi e adenomiosi grave e al momento sono in attesa di un ottavo intervento per rimuovere l'utero. Da circa un paio di anni ho una cistite tremenda ciclica oserei dire, a volte l'urinocoltura viene positiva alla klebisiella a volte no ma è sempre presente questo stimolo di minzione urgente e frequente senza bruciori. . . Arrivo ad urinare anche una quarantina di volte in un giorno e 7/8 durante la notte. Ho fatto le prove urodinamiche e mi è stato detto che ho una vescica iperattiva.
Ma mi chiedo e Le chiedo puo' essere solo questo la causa di questo disturbo che non mi abbandona MAI ho preso di tutto antibiotici integratori di ogni tipo ma niente. La mia qualita' di vita e' tremenda se non trovo un bagno disponibile non riesco a contenermi. Ho sentito parlare di cistite interzistiale, potrebbe essere questo il problema? Cosa dovrei fare per andare a fondo?


Risposta del 22 aprile 2019

Risposta a cura di:
Dott.ssa DANIELA PELOTTI


Carissima il problema lo devi risolvere tu eliminando la causa della tua infiammazione perenne della vescica che è la stessa che ti ha causato endometriosi e adenomiosi!! Hai una gluten sensitivity che ti causa disbiosi e colon irritabile. Il glutine ti sta alterando la parete intestinale che è diventata permeabile per cui quando mangi cibi ad alto indice glicemico compreso il glutine, batteri e sostanze infiammatorie anzichè essere eliminate con le feci, escono dall’intestino e invadono la pelvi e la vescica causandoti infiammazione cronica! Provvedi ad una alimentazione corretta, hai un diabete nascosto e non metabolizzi glutine e carboidrati!
Se non elimini la causa la terapia è inutile!
LEGGI QUESTO ARTICOLO

Si è sempre popolarmente ritenuto che l’urina fosse sterile: sangue filtrato privo, per esempio, di batteri. Ma a quanto pare le cose non stanno esattamente così; anzi, i batteri presenti nell’urina possono essere associati alla vescica iperattiva – in particolare nelle donne.

A soffrire di vescica iperattiva (OAB) sono circa il 15% delle donne. Di queste, il 40-50% non rispondono ai trattamenti convenzionali. E una possibile spiegazione di questa mancanza di risposta al trattamento può essere ricercata proprio nei batteri presenti in queste donne.

A suggerire che dietro alla vescica iperattiva e la mancanza di risposta ai trattamenti vi sia la presenza di batteri nelle urine, sono stati i ricercatori della Loyola University di Chicago che hanno presentato i risultati del loro studio al CXIV Meeting annuale della American Society for Microbiology, che si tiene dal 17 al 20 maggio 2014 a Boston (Usa).

«La presenza di alcuni batteri nelle donne con vescica iperattiva appare associata a sintomi di OAB», ha spiegato il dott. Evann Hilt della LU, presentando lo studio.

Come già ribadito in un precedente articolo, la cosiddetta sindrome da vescica iperattiva (o OAB, OverActive Bladder) è una condizione comune che si manifesta con evidenti sintomi a livello urologicocome, per esempio, contrazioni involontarie, urgenza, frequenza. Vi è anche minzione frequente notturna (nocturia) e perdite incontrollate di urina (incontinenza urinaria). Le cause, tuttavia, sono spesso sconosciute.

E’ altresì un disturbo disabilitante e causa di isolamento sociale, e in Italia interessa il 19% della popolazione (uomini e donne di tutte le età).

Come ricordato dai ricercatori, per anni i medici sono stati istruiti a credere che l’urina fosse priva di germi. Ma già nel 2012, i colleghi del dott. Hilt e coautori dello studio, hanno scoperto che le cose non stavano esattamente così. Utilizzando metodi di rilevamento moderni, basati sul DNA, sono riusciti aindividuare batteri nelle urine che non potevano essere rilevati da tecniche di coltura standard.

Le ricerche sono poi sfociate in questo ultimo studio in cui si sono valutati campioni di urina raccolti da 90 donne con e senza OAB, utilizzando una nuova tecnica conosciuta come “urinocoltura quantitativa ampliata” (EQUC).

Con questo metodo, i ricercatori sono stati in grado di trovare batteri che non erano mai stati identificati dalle tecniche standard di coltura delle urine, tipicamente utilizzate per diagnosticare le sindromi del tratto urinario.

Utilizzando l’EQUC, il dott. Hilt e colleghi hanno scoperto che i batteri della vescica in donne sane differiscono significativamente da quelli delle donne affette da OAB, suggerendo che alcuni batteri della vescica possono svolgere un ruolo nella OAB.

«Se stabiliamo che alcuni batteri causano sintomi di OAB, potremmo essere in grado di identificare meglio i soggetti a rischio per questa patologia e prevenire o curare in modo più efficace i pazienti colpiti – ha sottolineato Hilt – Saranno necessarie ulteriori ricerche per determinare se queste differenze batteriche sono clinicamente rilevanti per i milioni di donne con OAB e i medici che le curano».

A conclusione dello studio, i ricercatori fanno sapere che il passo successivo sarà quello di determinare quali batteri della vescica sono utili e quali sono nocivi, e come i batteri interagiscono tra loro e il loro ospite. Le informazioni ricavate saranno utili per aiutare i pazienti a rischio e quelli affetti da questo tipo di sindrome.

Altri autori dello studio sono: Linda Brubaker, MD, MS, decano, Loyola University Chicago Stritch School of Medicine (SSOM); Paul Schreckenberger, PhD, direttore del laboratorio di microbiologia clinica, Loyola University Health System; e Alan J. Wolfe, PhD, professore di Microbiologia e Immunologia, SSOM.

Dott. Ssa Daniela Pelotti
Specialista attività privata
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Molinella (BO)

Ultime risposte di Rene e vie urinarie

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Vedi anche:


Ultimi articoli
Cistite
22 febbraio 2019
Patologie mediche
Cistite
Cistite, come comportarsi
31 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Cistite, come comportarsi