Colecistectomia quali rischi?

24 giugno 2014

Colecistectomia quali rischi?




19 giugno 2014

Colecistectomia quali rischi?

Salve, sono una madre di 65 anni, soffro di calcoli alla colecisti da molti anni ( ne ho circa 1 - 2 l'anno) e qualche mese fa sono finita al pronto soccorso per una colecistite. Tutti quanti mi dicono, e leggo ovunque, che dopo un episodio di colecistite(è sufficiente anche semplicemente avere delle coliche), la colecistectomia è obbligatoria ( i miei calcoli sono molti piccoli e mobili), lei è d'accordo in questo caso? o potrebbero esserci altre soluzioni che potrebbe consigliarmi senza ricorrere all'intervento? Tra l'altro ho anche il colon irritabile, soffro di ernia iatale voluminosa e reflusso gastroesofageo, e ho il fegato molto grasso, tramite ecografia è ad uno stadio severo, ho la bile molto densa, la mia paura è che togliendo la colecisti, il fegato ne risenta e possa peggiorare. Cosa mi consiglia? Ho paura che togliendo la colecisti se da un lato la situazione migliora, perchè evito colecistiti, pancreatiti etc, dall'altro mi peggiora andando a creare problemi ad altri organi, visto che cmq nella mia ignoranza io penso che se questo organo esiste, una utilita' importante dovra' pure averla. Che danni potrei avere?
ps: sto migliorando l'alimentazione, è sufficiente? lo stress aumenta il rischio di coliche? le coliche possono comparire anche con una alimentazione impeccabile, o dipendono anche da altri fattori? La qualità di vita senza la colecisti, nel mio caso, migliora? La vita si accorcia senza la colecisti? Anche per lei dovrei per forza operarmi?

Mi spiace di essermi dilungata molto e di averle fatto forse troppe domande, ma mi creda, parlando con chirurghi la fanno facile, per loro si opera e basta!! Immagino avra' molto lavoro da fare e poco tempo ma la ringrazio nel caso volesse rispondermi. Distinti saluti. Francesca

Risposta del 24 giugno 2014

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Cercherò di rispondere a tutte le domande. L'asportazione della colecisti non provoca alcun danno ad altri organi, tanto meno al fegato. L'alimentazione non serve a eliminare i calcoli. E'vero che i chirurghi consigliano sempre l'intervento, mentre noi gastroenterologi medici siamo un po'meno interventisti, se i calcoli non hanno mai provocato disturbi. Ma per lei non è così. L'avere avuto delle coliche, o - ancora peggio - una colecistite, consiglia indubbiamente l'intervento. Non può correre il rischio di un'altra colecistite o, peggio, di una Pancreatite. Deve sapere che una cistifellea piena di calcoli ha perso la sua funzione, quindi viene asportato un organo ormai inutile e pericoloso. Dopo l'intervento, la sua capacità digestiva non peggiorerà. Le faccio molti auguri.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Fegato


Vedi anche:


Ultimi articoli
Giovani e abuso di alcol: a risentirne è il fegato
07 dicembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Giovani e abuso di alcol: a risentirne è il fegato
Tumore del fegato
03 ottobre 2019
Patologie mediche
Tumore del fegato
Cirrosi: attenzione all’abuso di alcol
23 agosto 2019
Patologie mediche
Cirrosi: attenzione all’abuso di alcol
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube