Dispepsia ricorrente, può essere causata dalla pillola?

06 agosto 2020

Dispepsia ricorrente, può essere causata dalla pillola?




01 agosto 2020

Dispepsia ricorrente, può essere causata dalla pillola?

Buonasera, Da circa 7-8 anni soffro di episodi ricorrenti di nausea, eruttazioni continue, pancia gonfia, crampi addominali e molta difficoltà a evacuare (quasi sempre feci non formate e in scarsa quantità, mai feci dure nonostante a volte non vada in bagno per diversi giorni). Ho questi disturbi all'incirca da quando ho iniziato ad assumere la pillola Arianna, a causa di mestruazioni irregolari, molto dolorose e abbondanti, che mi causavano anemia. La pillola ha avuto grandi effetti positivi su di me, oltre ad aver eliminato i dolori e l'eccessiva perdita di sangue mi ha anche permesso di ingrassare di circa 10 kg (prima ero magrissima, mangiavo poco per un senso di sazietà precoce fin da quando ero piccola); sono ingrassata proprio perché mi è passato questo forte senso di sazietà. Mi chiedo però se i disturbi intestinali possono ricondursi alla stessa. Premetto che due anni fa mi è stato diagnosticato un ipotiroidismo, con valore di TSH non ancora rientrato nella norma e che soffro di asma allergica. Grazie per l'attenzione.

Risposta del 06 agosto 2020

Risposta a cura di:
Dott. PIERGIORGIO BIONDANI


Gentile ragazza,
in linea generale le pillole estroprogestiniche possono anche influire sulla sfera gastro/intestinale dando sintomi simili a quelli che lei descrive.
Tuttavia, da quanto capisco dalla su richiesta, anche precedentemente all'uso della pillola esistevano delle problematiche inerenti la digestione.
Pertanto è molto difficile capire se vi sia stato un legame causa-effetto con l'inizio della pillola o se sia stata solo una coincidenza.
A buon senso, l'unica controprova da effettuare sarebbe una sospensione della pillola per alcuni mesi al fine di valutare la scomparsa o meno dei sintomi.
Si tratterebbe comunque di una decisione da prendere solo dopo una visita di persona presso un medico di sua fiducia per meglio inquadrare con un esame obbiettivo, e gli eventuali accertamenti che vorrà prescriverle, la sua situazione.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani.

Dott. Piergiorgio Biondani
Specialista attività privata
Specialista in Medicina generale
Specialista in Psichiatria
Bussolengo (VR)

Ultime risposte di Stomaco e intestino

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube