Reflusso gastroesofageo

22 settembre 2004

Reflusso gastroesofageo




Domanda del 29 giugno 2004

Reflusso gastroesofageo


Mi è stata diagnosticata a seguito di gastroscopia una Ernia iatale con conseguente reflusso.
E' stata dal mio medico instaurata idonea terapia a base di sciroppo denominato "gaviscon" che assumo ai pasti da una settimana.
Nonostante ciò, continuo ad avere acidità e sensazione di bruciori di gola e bocca amara; tutto quello che mangio ha un sapore alterato.
Cosa mi consigliate?
E' opportuno sentire un gastroenterologo?
E' da considerare un aventuale intervento chirurgico?
Grazie per la disponibilità.
Cordiali saluti.
Risposta del 04 luglio 2004

Risposta di ANTONIO MARRAFFA


Probabilmente la terapia è sottodosata o necessita di farmaci più efficaci nella riduzione della secrezione acida gastrica(tipo inibitori di pompa protonica).Le consiglio una consulenza dal gastroenterologo.

Dott. Antonio Marraffa
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata



Il profilo di ANTONIO MARRAFFA
Risposta del 22 settembre 2004

Risposta di EMANUELE MELI


E' opportuno dimagrire; fare pasti piccoli, soprattutto la sera;ed andare a dormire dopo due ore dal pasto.Può essere utile rialzare la testata del letto;non fumare ,ridure il consumo di caffè; associare al farmaco in uso un'inibitore della secrezione acida gastrica.

Dott. Emanuele Meli
Medico Ospedaliero



Il profilo di EMANUELE MELI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Stomaco e intestino



Potrebbe interessarti
Malattia di Crohn: arriva un nuovo farmaco con effetto rapido e durevole
Stomaco e intestino
11 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Malattia di Crohn: arriva un nuovo farmaco con effetto rapido e durevole
Le noci aiutano il microbiota
Stomaco e intestino
11 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Le noci aiutano il microbiota
Diarrea del viaggiatore, che fare
Stomaco e intestino
10 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Diarrea del viaggiatore, che fare