Sanguinamento e palline anali

26 aprile 2016

Sanguinamento e palline anali


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


20 aprile 2016

Sanguinamento e palline anali

Buongiorno,
sono un ragazzo di 31 anni. Fin dall'adolescenza soffro di occasionali perdite ematiche di colore rosso vivo dall'ano: all'inizio frequenti ma lievi (qualche fine striatura o spot sulla carta igienica dopo sfregamento, nel 2001 ), e seguite da lunghi periodi asintomatici (mi è capitato di non osservare perdite per alcuni anni ), poi più consistenti ma sempre in forma isolata (una volta a febbraio e una ad agosto nel 2009 ).
Due anni fa a maggio ho avuto una forte rettorragia associata a lieve bruciore e qualche spot sulla carta igienica il giorno precedente.
Pochi mesi dopo ho scoperto delle palline fuoriuscire dall'ano dopo la defecazione. La loro fuoriuscita parrebbe legata alla consistenza e alla voluminosità fecale (solitamente è visibile una sola pallina grande quanto un cappero nel centro dell'orifizio anale, che rientra più o meno spontaneamente ). Queste palline non sono dolorose, benché arrechino un leggero fastidio allorché fatichino a rientrare dentro l'ano.
Nel gennaio di quest'anno ho avuto una rettorragia più grave (tipo flusso mestruale ), sempre indolore. Non sono riuscito a capire se il sangue provenisse o meno da queste palline, ma l'indomani esse si presentavano come tutte le altre volte. In seguito a quell'episodio, ho riscontrato delle occasionali piccole perdite ematiche dopo la defecazione.
Da sempre ho una fisionomia longilinea e sono fortemente sottopeso. In famiglia non mi risultano precedenti di Poliposi o tumori intestinali; soltanto a mio fratello è stata diagnosticata una ragade anale qualche anno fa.
Vista la mia anamnesi, considerata la mia età e che non ho nessun precedente in famiglia di tumore al colon, crede possano trattarsi di Emorroidi, oppure c'è il rischio che possa avere qualche polipo o malattia più seria? Grazie

Risposta del 26 aprile 2016

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Dalla sua descrizione, così particolareggiata, sembra proprio che si tratti di piccoli gavoccioli emorroidari. Si faccia prescrivere una visita dello specialista proctologo.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino

Tags:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
La stipsi nel paziente cronico
Stomaco e intestino
30 marzo 2021
Sintomi
La stipsi nel paziente cronico
Infezioni correlate all’assistenza, al via la campagna #ALLEAMICI
Stomaco e intestino
22 dicembre 2020
Notizie e aggiornamenti
Infezioni correlate all’assistenza, al via la campagna #ALLEAMICI