Strani sintomi legati a una ragade

21 giugno 2012

Strani sintomi legati a una ragade




20 giugno 2012

Strani sintomi legati a una ragade

Buongiorno, ho 34 anni, sono stato operato di emorroidi a fine marzo, operazione tecnicamente riuscita, ma il post operatorio è stato doloroso e ho avuto sanguinamento per oltre 2 mesi, alla fine, fatta una colonscopia e scoperta una ragade (dove prima c'era l'emorroide), iniziata cura con antrolin (prima di andare in bagno) anonet (dopo) e topster supposte (la sera). Finalmente dopo un mese, smette il sanguinamento (dire che ero felice è riduttivo), ora sono passati circa 10 giorni dalla fine del sanguinamento, la cura consiste sempre in antrolin prima, colostrum gel dopo e cicatridina supposte la sera. Purtroppo alcuni sintomi persistono e io non sò cosa fare, ovvero:
-la mattina appena sveglio dopo pochi minuti devo andare in bagno, e di corsa, a volte non ho nemmeno il tempo di usare l'antrolin.
-spesso dopo 20 minuti circa, mi viene di nuovo lo stimolo e vado di nuovo in bagno.
-pur non essendoci sangue, ho leggere fitte e fastidi nella zona, persino quando mi asciugo dopo.
-a volte capita di andare in bagno anche 3 volte nel giro di un ora, dopo i fastidi spariscono completamente.
-dato che per lavoro devo stare seduto, devo assumere posizioni laterali per cercare di star comodo, quando mi alzo è come se avessi qualcosa li e quindi anche muoversi è difficoltoso.
-bevendo molta acqua a lavoro, vado in bagno spesso e ho una sensazione di fastidio nella zona del perineo, in rari casi ho riscontrato difficolta a urinare e dovevo "aspettare" un pò con la paura che mi venisse lo stimolo di andare di corpo.
-ho notato che le feci sono morbide, ma piccole (le dimensioni di un dito di un uomo adulto circa)
Oltre alle cure mediche, bevo almeno un litro e mezzo d'acqua al giorno, mangio molta frutta negli spuntini e mangio leggero nei pasti.
Cosa potrebbe essere?
Potrebbe essere una prostatite?
Da quali sintomi (escluso il sanguinamento) si capisce se è una prostatite o una ragade?
Grazie.

Risposta del 21 giugno 2012

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Avevo già risposto, ma forse per un difetto di fastweb la risposta non è partita. Dicevo che non mi sembra si tratti di prostatite. Probabilmente la zona operata è ancora infiammata, forse per la persistenza della ragade, che non sempre è facile eliminare con le applicazioni locali. Talvolta la persistenza della ragade è dovuta a una aumentata tensione degli sfinteri anali. Per controllare questa eventualità, bisogna eseguire un esame che si chiama manometria ano-rettale. Altrimenti deve consultare un proctologo per vedere se è meglio la soluzione chirurgica della ragade.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa