Trauma mano

18 giugno 2008

Trauma mano




Domanda del 10 giugno 2008

Trauma mano


Due settimane fa ho colpito il muro con un pugno, ho effettuato i raggi, ma al pronto soccorso mi hanno detto che non c'era niente di rotto e non mi sono state applicate ingessature. Permane però tutt'ora un piccolo gonfiore tra la IV e la V nocca, abbastanza consistente al tatto e, chiudendo la mano a pugno, sulla V nocca c'è una sporgenza rigida che sull'altra mano non è presente, che causa dolore se la tocco. Il dolore di per sè non c'è, tranne in alcuni particolari movimenti o gesti (alzare il mignolo, battere le mani) o premendo sull''area gonfia e semi-rigida sopra nominata. E' possibile che si tratti di lesioni articolari o altro? Cosa mi consigliate di fare? Grazie
Risposta del 18 giugno 2008

Risposta di GIULIANO SACCHI


Alcune volte alcune fratture potrebbero non rivelarsi ad un primo esame radiografico; l'ortopedico cui potrà rovolgersi per controllo giudicherà la possibile necessita di un ulteriore controllo radiografico a distanza di circa 10 gironi dal primo; in alternativa potrebbe essere d'aiuto una RMN.
Cordiali saluti

Dott. Giuliano Sacchi
Medico Ospedaliero
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Medicina Territoriale
Specialista in Ortopedia e traumatologia
ABBIATEGRASSO (MI)



Il profilo di GIULIANO SACCHI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Scheletro e Articolazioni



Potrebbe interessarti
Dolori alla cervicale. Cause e sintomi
Scheletro e articolazioni
11 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Dolori alla cervicale. Cause e sintomi
Fisioterapisti in farmacia, nuova edizione della campagna le mani giuste
Scheletro e articolazioni
04 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Fisioterapisti in farmacia, nuova edizione della campagna "le mani giuste"
Infortuni sportivi d’estate: come rimediare
Scheletro e articolazioni
13 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Infortuni sportivi d’estate: come rimediare