Vitamina B9 o M - acido folico - pteroilglutammico - folato - folacina

20 ottobre 2018

Vitamine idrosolubili

Vitamina B9 o M - acido folico - pteroilglutammico - folato - folacina



Indice


Informazioni di base


Origini naturali?
Origini sintetiche?
È richiesta la prescrizione medica? No. Si per le forme iniettabili
Liposolubile o idrosolubile: idrosolubile 

Fonti naturali


  • Arance
  • Cavoletti di Bruxelles
  • Ceci
  • Fagioli
  • Fagioli garbanzo
  • Fegato di vitello
  • Frutta
  • Germe di grano
  • Grano con foglie
  • Indivia
  • Lenticchie
  • Lievito di birra
  • Orzo
  • Piselli
  • Piselli secchi
  • Riso
  • Soja
  • Succo d'arancia
  • Verdure verdi

Effetti dimostrati

  • Promuove la normale formazione dei globuli rossi.
  • Provvede al buon funzionamento del sistema nervoso, degli organi sessuali, dei globuli rossi, dei regolari ritmi di crescita.
  • Regola lo sviluppo embrionale e fetale delle cellule nervose.
  • Promuove uno sviluppo e una crescita regolari.
  • Cura le anemie da carenza di acido folico dovuta ad alcolismo, a disturbi epatici, ad anemia emolitica, a sprue, allo stato gravidico, all'allattamento, all'uso di contraccettivi orali.

Effetti benefici supposti non dimostrati

  • Previene i disturbi mentali.
  • Agisce come analgesico naturale o calmante del dolore.

Chi necessita di quantità addizionali?

  • I soggetti con un introito alimentare calorico o nutrizionale inadeguato o che richiedono un incremento nutrizionale.
  • Persone anziane (sopra i 55 anni d'età).
  • Donne in gravidanza o che allattano.
  • Donne che fanno uso di contraccettivi orali.
  • I soggetti che fanno abuso di alcool o altre droghe.
  • I soggetti con malattie croniche logoranti, con stress prolungati o i soggetti che hanno da poco subito un intervento chirurgico.
  • I soggetti a cui è stata chirurgicamente rimossa una porzione del tratto gastrointestinale.
  • I soggetti con gravi ustioni o lesioni.
  • Neonati non allattati al seno o che consumano latte non arricchito nutrizionalmente.
  • I malati gravi che devono essere nutriti per via endovenosa o con alimentazione naso-gastrica.

Sintomi da carenza

  • Anemia emolitica e megaloblastica in cui i globuli rossi sono grandi e irregolari, hanno un più breve arco di vita o hanno probabilità di subire la rottura delle membrane.
  • Irritabilità.
  • Debolezza.
  • Mancanza di energia.
  • Sonno difficoltoso.
  • Pallore.
  • Glossite.
  • Leggeri disordini mentali, come labilità di memoria e confusione.
  • Diarrea.

Sintomi supposti non dimostrati

  • Depressione.
  • Displasia cervicale.
  • Psicosi.

Esami di laboratorio rivelatori di carenza

  • Acido folico ematico.
  • Cellule del sangue che rivelano anemia macrocitica associata a livelli normali di B12 nel sangue.

Posologia

Come agisce questa vitamina:
  • Agisce come co-enzima per la regolare sintesi del DNA.
  • Agisce come co-enzima nella sintesi degli aminoacidi.
  • Promuove la formazione dei globuli rossi.
Miscellanea:
  • La cottura degli ortaggi causa la perdita parziali dell'acido folico.
Disponibile sotto forma di:
  • Compresse: ingoiare intere con un bicchiere colmo di liquido. Non masticare nè frantumare. Ingerire durante i pasti principali o entro un'ora e mezza da essi, se non sotto diversa prescrizione.
  • Nota: talvolta l'acido folico non entra a far parte dei preparati di multivitamina/minerale. Controllare l'etichetta.

Avvertenze e precauzioni

Non fare assumere:
  • Agli affetti da anemia perniciosa. Pur con livelli di acido folico apparentemente normali nel sangue, disturbi neurologici potrebbero progredire ed essere irreversibili.
  • Insieme a farmaci anti-convulsivanti.
Valutate il vostro paziente in caso di:
  • Anemia.
Dopo i 55 anni d'età:
  • Non dovrebbero esserci problemi particolari.
Gravidanza:
  • Non dovrebbero esserci problemi particolari.
  • Evitare le megadosi.
Allattamento:
  • Non dovrebbero esserci problemi particolari.
  • Evitare le megadosi.
Effetto sugli esami di laboratorio:
  • Può causare esiti erroneamente bassi nell'esame per la valutazione della vitamina B12.
Conservazione:
  • Conservare in luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce diretta, ma non congelare.
  • Tenere lontano dalla portata dei bambini.
Altro:
  • La dialisi renale riduce l'acido folico nel sangue. I pazienti in dialisi dovrebbero aumentare i fabbisogni del 300%.

Sovradosaggio/tossicità

L'uso prolungato di forti dosi può essere dannoso per la formazione di cristalli di acido folico nei reni. Dosi che superino i 1500 mcg al giorno possono provocare inappetenza, nausea, flatulenza, dilatazione addominale, possono inoltre nascondere l'esistenza dell'anemia perniciosa.
  • Per i sintomi da sovradosaggio: interrompere l'assunzione di vitamina. Vedi "Controindicazioni, effetti collaterali o sintomi da sovradosaggio".
  • Per i sintomi da overdose accidentale (come nel caso di un bambino che ne abbia ingerita un'intera bottiglia): ricorrete ad un intervento d'urgenza.

Controindicazioni, effetti collaterali o sintomi da sovradosaggio

  • Diarrea: interrompere il trattamento. Occorre l'intervento medico immediato.
  • Eruzione cutanea: interrompere il trattamento. Occorre l'intervento medico.
  • Febbre: interrompere il trattamento. Occorre l'intervento medico immediato.
  • Urina giallo acceso (sempre): non è necessario alcun intervento.

  • Interazione con farmaci, vitamine o minerali

    • Analgesici: diminuiscono l'effetto dell'acido folico.
    • Anti-convulsivanti: diminuisce sia l'effetto dell'acido folico che dell'anti-convulsivante.
    • Antibiotici: possono causare un esito erroneamente basso dell'acido folico ematico.
    • Chinina: diminuisce l'effetto dell'acido folico.
    • Cloramfenicolo: provoca carenza di acido folico.
    • Contraccettivi orali: diminuisce l'effetto dell'acido folico. L'uso dei contraccettivi orali richiede un'integrazione di acido folico.
    • Farmaci con cortisone: diminuiscono l'effetto dell'acido folico.
    • Fentoina: diminuisce l'effetto della fentoina. Si dovrebbe evitare l'ingerimento combinato delle due sostanze.
    • Metotressato: diminuisce l'effetto dell'acido folico.
    • Pirimetamina: diminuisce l'effetto dell'acido folico e interferisce con l'efficacia della pirimetamina. Evitate di assumere le due sostanze contemporaneamente.
    • Sulfasalazina e altri sulfamidici: diminuisce l'effetto dell'acido folico.
    • Trimetoprima: diminuisce l'effetto dell'acido folico.
    • Trimterene: diminuisce l'effetto dell'acido folico.

    Interazione con altre sostanze

    • Il fumo diminuisce l'assorbimento di acido folico. I fumatori dovrebbero richiedere un'integrazione.
    • L'abuso di alcool molto probabilmente è causa di carenza di acido folico. L'alcolismo è la causa principale di carenza.


    Vedi anche:


    Potrebbe interessarti
    Se mangi mediterraneo sei meno depresso
    Alimentazione
    16 ottobre 2018
    Notizie e aggiornamenti
    Se mangi mediterraneo sei meno depresso
    Con la zucca previeni il diabete, l’ipertensione e dimagrisci
    Alimentazione
    13 ottobre 2018
    Notizie e aggiornamenti
    Con la zucca previeni il diabete, l’ipertensione e dimagrisci
    Cous cous di pesce e verdure
    Alimentazione
    07 ottobre 2018
    Le ricette della salute
    Cous cous di pesce e verdure
    L'esperto risponde