Fibromialgia, il dolore colpisce i muscoli

15 giugno 2011

Focus

Fibromialgia, il dolore colpisce i muscoli


fibromialgia dolore cronico muscoloscheletrico

La caratteristica predominante è il dolore cronico muscoloscheletrico diffuso, ma è generalmente accompagnato da numerose altre disfunzioni multi-sistemiche. Fibrosi riferisce al tessuto fibroso, miosi riferisce ai muscoli e algiasi riferisce al dolore. La fibromialgia è classificata come reumatismo non articolare nella Classificazione internazionale delle malattie (Icd) dell'Organizzazione mondiale della sanità, e si inserisce nella categoria generica dell'ampio gruppo di sindromi dolorose dei tessuti extrarticolari, definizione che implica che un processo sistemico coinvolge il sistema muscoloscheletrico globalmente. Convincenti prove di anomalie fisiologiche e biochimiche identificano la fibromialgia come un distinto disordine clinico fisiopatologico.

Prima dell'insorgenza, la maggior parte dei pazienti conduce uno stile di vita sano e attivo. Esiste una consistente documentazione secondo cui un trauma fisico, particolarmente un colpo di frusta, o un trauma spinale, possano scatenare la patologia in alcuni pazienti. Altri traumi fisici associati comprendono operazioni chirurgiche, strappi muscolari ripetuti, parti, infezioni virali e esposizione a sostanze chimiche. Una predisposizione genetica potrebbe essere sospettata quando più membri di una famiglia, separati tra loro, ne siano afflitti. Alcuni casi di FMS hanno un'insorgenza graduale con cause non evidenziabili.

I sintomi principali corrispondono alla presenza di dolore diffuso da almeno 3 mesi su almeno11 zonedel corpo su 18 a cui si aggiungono, fatica invalidante, disfunzione del sonno (ipersonnia, sonno non ristoratore, insonnia..); manifestazioni neurologiche/cognitive, (disturbi di memoria e concentrazione ecc); manifestazioni neurologiche (disfunzioni vescicali, intestino irritabile, aritmie, disturbi respiratori,formicolio, debolezza, disturbi spaziale, ipotensione ortostatica, vertigini ecc), endocrine (dismenorrea, variazioni di peso)

Vengono utilizzati trattamenti sintomatici per il dolore, i disturbi del sonno, l'ipotensione ortostatica, la cistite interstiziale, la sindrome del intestino irritabil. In particolare, per il dolore viene utilizzata una terapiacon antiinfiammatori; antiepilettici; naltrexone a basso dosaggio, cannabis terapeutica, antidepressivi come ricaptatori della serotonina.

Acido alfa lipoico, vitamina E, complesso B, vitamina C, beta-carotene, calcio, magnesio maleato, zinco, acidi grassi essenziali , lecitina, metilsulfonilmetano, glucosamina, glutammina, oligomeri procianidolici.

Ginko bilboa, Ginseng siberiano (eleuterococco), valeriana, artiglio del diavolo e Uncaria tormentosa.


Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube