Alzheimer, l'allarme degli esperti: «È un'epidemia mondiale»

08 dicembre 2013
News

Alzheimer, l'allarme degli esperti: «È un'epidemia mondiale»


alzheimer

Entro il 2050 saranno 135 milioni le persone colpite dall'Alzheimer nel mondo: lo sostiene il rapporto dell'Alzheimer disease international, secondo cui i malati triplicheranno rispetto alla situazione attuale. Oggi infatti i malati sono 44 milioni, sempre secondo le stime dell'Adi, con un incremento del 22 per cento nel corso degli ultimi tre anni.

«È un'epidemia mondiale, non fa che peggiorare. Se guardiamo al futuro, vediamo che il numero di persone anziane aumenta in modo drammatico», ha dichiarato Marc Wortmann, direttore esecutivo dell'Alzheimer disease international. «È vitale che l'organizzazione mondiale della sanità dia priorità a questa malattia, così che tutti i paesi si preparino a fronteggiare la situazione».

La pubblicazione dello studio avviene a pochi giorni dall'apertura del vertice del G8 sulla demenza, che si terrà a Londra la settimana prossima. Il ministero della Sanità britannico ha definito la demenza una delle sfide mondiali più gravi: «Il vertice del G8 costituisce un'opportunità unica per realizzare progressi concreti molto più rapidamente e di raddoppiare gli sforzi per trovare trattamenti efficaci».




Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube