Reflusso acido? Ecco la giusta alimentazione per tenerlo a bada

15 settembre 2017
Focus

Reflusso acido? Ecco la giusta alimentazione per tenerlo a bada



Un'alimentazione basata prevalentemente su alimenti vegetali come quella mediterranea è efficace tanto quanto le terapie farmacologiche oggi in uso contro il reflusso laringo-faringeo. Lo sostengono dalle pagine della rivista Jama otolaryngology - head & neck surgery, i ricercatori guidati da Craig Zalvan del Northwell health system's Phelps hospital, di Sleepy Hollow, negli Stati Uniti.

Il reflusso laringo-faringeo


«Il reflusso laringo-faringeo è una condizione nella quale gli acidi che normalmente si trovano nello stomaco risalgono fino alla gola ed è diverso dal più noto reflusso gastro-esofageo, noto anche come "bruciore di stomaco"» esordisce l'esperto che poi aggiunge: «I sintomi del reflusso laringo-faringeo includono infatti raucedine, tosse continua, schiarimenti frequenti e una sensazione di una massa nella gola, ma non il bruciore di stomaco».
Come ricordano gli autori, la terapia per il reflusso laringo-faringeo si basa essenzialmente su inibitori della pompa protonica, farmaci utilizzati anche per il reflusso gastro-esofageo, ma che possono presentare effetti collaterali importanti e non sempre risultano efficaci.

Indicazioni alimentari


«Tutto ciò va in un'unica direzione: cercare un approccio basato sull'alimentazione per la risoluzione del problema» afferma Zalvan che assieme ai colleghi ha coinvolto nella sua ricerca circa 200 persone con reflusso laringo-faringeo.
A metà di loro è stato chiesto di seguire una dieta prevalentemente vegetariana, la dieta mediterranea, mentre all'altra metà sono stati prescritti i farmaci abituali e sono state date indicazioni alimentari generiche come evitare caffè, alcol e cibi fritti o troppo grassi.
«Al termine dello studio abbiamo potuto notare che l'approccio basato sulla dieta vegetale era altrettanto se non addirittura più efficace di quello farmacologico standard» dicono i ricercatori, precisando che una riduzione clinicamente significativa nel cosiddetto "indice dei sintomi del reflusso" è stata osservata nel 63 per cento dei pazienti del gruppo dieta mediterranea e dal 54 per cento di quelli del gruppo terapia standard.

Perdita di peso e riduzione dei sintomi

«I pazienti del gruppo dieta mediterranea hanno anche perso peso, in genere circa 3,5 chilogrammi, e questo potrebbe aver contribuito alla riduzione dei sintomi» aggiunge Zalvan spiegando che non è possibile calcolare quanto del successo sia legato al calo ponderale e quanto invece al tipo di dieta seguito. Anche Sonia Angelone, portavoce della Academy of nutrition and dietetics raccomanda la dieta a base vegetale per gestire il reflusso acido: «Questo tipo di dieta tende a calmare l'infiammazione nell'organismo, al contrario di ciò che fanno le diete ricche in cibi processati» spiega, ricordando che gli studi recenti spingono a pensare al reflusso acido come a un disturbo infiammatorio nel quale non tanto l'acido di per sé ma la risposta infiammatoria dell'organismo possono essere il pericolo maggiore per la salute.

Cristina Ferrario

Fonte: Jama Otolaryngol Head Neck Surg. 2017. doi: 10.1001/jamaoto.2017.1454


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie



Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Celiachia
Alimentazione
16 luglio 2018
Patologie
Celiachia
Comporre il piatto
Alimentazione
15 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Comporre il piatto
Mirtilli: le bacche superfood
Alimentazione
14 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Mirtilli: le bacche superfood
L'esperto risponde