Declino cognitivo lieve: i benefici di un farmaco-nutriente specifico

28 marzo 2018

News

Declino cognitivo lieve: i benefici di un farmaco-nutriente specifico



l declino cognitivo lieve è un disturbo che talvolta può precedere lo sviluppo di demenze e malattie neurodegenerative, tra cui l'Alzheimer. Insorge generalmente dai 60 anni in poi, con un'incidenza che può raggiungere il 25 per cento circa nella fascia di età compresa tra gli 80 e gli 84 anni. Dell'argomento si è parlato di recente a Milano, nel corso dell'incontro 'Dove ho messo la testa', organizzato in occasione della Settimana mondiale del cervello.

I campanelli d'allarme

«La perdita di memoria è uno dei segnali meritevoli d'attenzione, ma va distinto dalle normali dimenticanze dettate da stress o stanchezza», afferma Stefano Cappa, presidente della Sindem, Associazione autonoma aderente alla Società italiana di neurologia (Sin) per le demenze. «Sicuramente la ripetitività degli episodi e la progressione del disturbo, che vanno a incidere sulla gestione delle attività quotidiane, sono i sintomi più rilevanti».

A chi rivolgersi

«Una diagnosi precoce è fondamentale per prevenire l'aggravamento della condizione e contrastarne la progressione», avverte Marco Trabucchi, presidente dell'Associazione italiana di psicogeriatria (Aip)». Quando si tratta di richiedere informazioni specifiche sul declino cognitivo lieve, il medico di Medicina generale è il primo referente in quanto, sottolinea Ovidio Brignoli, vicepresidente della Società italiana di medicina generale (Simg), «ha il vantaggio di seguire il paziente nel tempo e quindi di conoscerne la storia». In caso di sospetto declino conseguente a una prima valutazione, sarà poi compito del neurologo o del geriatra sottoporre il soggetto a ulteriori accertamenti diagnostici (basati su esami e test specifici) e, nel caso, definire il percorso terapeutico più idoneo.

Come contrastare il declino cognitivo

Anche se, a oggi, non esistono terapie farmacologiche contro il declino cognitivo lieve, un trattamento nutrizionale specifico - Souvenaid (Nutricia) - sembra offrire nuove opportunità per contrastare la progressione di questo disturbo. I suoi effetti sono stati indagati dallo studio LipiDiDiet, finanziato dall'Unione Europea e condotto da un consorzio indipendente su oltre 300 pazienti di quattro Paesi (Finlandia, Germania, Olanda e Svezia) che hanno assunto il prodotto per 2 anni. Souvenaid contiene una miscela brevettata di nutrienti attivi, tra cui acidi grassi omega-3, colina, uridina monofostato, fosfolipidi, antiossidanti e vitamine del gruppo B che agisce direttamente sulle sinapsi a livello cerebrale e si è dimostrata efficace nel preservare il tessuto cerebrale, la memoria e la capacità dei pazienti di svolgere attività della vita quotidiana, come emerge dai risultati del trial clinico pubblicati su The Lancet Neurology, la più prestigiosa rivista internazionale del settore.

Claudio Buono

 


Commenti

Vedi anche:


Ultimi articoli