Incontinenza

13 aprile 2021

Incontinenza: cause, sintomi e cure


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Indice


Definizione


Incontinenza: definizione e generalità


Patologia caratterizzata dalla perdita involontaria e incontrollata di urina. In condizioni normali, la decisione di urinare è sempre volontaria. Quando questa capacità di controllare la minzione è compromessa, si determina l'incontinenza urinaria.

Cause


Incontinenza: cause principali


L'incontinenza può essere dovuta a modifiche dell'apparato urinario legate all'età, come la riduzione di distensibilità della vescica, la perdita di tono dei muscoli del pavimento pelvico o la diminuzione del tono dello sfintere urinario. Molte patologie possono causare o aggravare l'incontinenza, come le infezioni urinarie o vaginali, malattie nervose e muscolari, gli effetti secondari di alcuni interventi chirurgici o di alcuni farmaci (come gli antistaminici, gli antidepressivi, i sedativi, i calcio antagonisti). Fattori di rischio sono: l'età, il sesso femminile, i parti ripetuti, la menopausa, la stipsi cronica, l'abuso di alcol e di bevande contenenti caffeina.

Sintomi

Visualizza le schede dei sintomi più comuni per questa patologia:

Incontinenza: sintomi più comuni


L'incontinenza urinaria può presentarsi sotto diverse forme. Nell'incontinenza da sforzo si ha la perdita di piccole quantità di urina a seguito di sforzi, tosse, sollevamento di oggetti pesanti, risate e di tutto ciò che aumenta bruscamente la pressione nella cavità addominale. Nell'incontinenza da urgenza viene avvertito un brusco e intenso stimolo ad urinare, che non può essere represso, seguito da un'incontrollabile perdita di urine prima di poter raggiungere il bagno. L'incontinenza da iperafflusso è determinata da ostruzioni dell'uretra, come l'ipertrofia prostatica e il prolasso uterino o rettale, che impediscono lo svuotamento della vescica e si manifesta con la perdita frequente di piccole quantità di urina.

Diagnosi

Incontinenza: come efftuare la diagnosi


Oltre ad un'anamnesi accurata ed all'esame obbiettivo, possono essere utili gli esami urodinamici, come la cistomanometria (la misurazione della pressione all'interno della vescica durante il riempimento) o la flussometria (la misurazione dell'entità del flusso urinario). Ecografia pelvica, cistoscopia e urinocoltura sono test utili per l'identificazione di possibili patologie sottostanti.

Cure

Incontinenza: cure e rimedi


Diversi tipi di trattamento possono essere utili, a seconda del tipo e della causa dell'incontinenza. Oltre alla terapia farmacologica ed alla terapia chirurgica, sono indicati metodi di rieducazione pelvica, rivolti a rinforzare la muscolatura del pavimento pelvico (esercizi di Kegel) e il biofeedback. Fra i farmaci utilizzati per migliorare l'incontinenza vi sono quelli che distendono la vescica (ossibutinina, tolterodina), che aiutano a contrarre lo sfintere (pseudoefedrina) o che al contrario lo rilassano, nella forme da iperafflusso (terazosina, tamsulosina).

Cure complementari

Fra i rimedi fitoterapici, sono indicati luppolo e uva ursina. L'omeopatia propone diversi rimedi contro l'incontinenza urinaria, a seconda di causa e tipo.

Alimentazione

E' fondamentale ridurre o eliminare il consumo di caffè e alcolici, sostanze che aumentano la stimolazione della vescica. Andrebbero evitati anche cibi e bevande con effetto irritante sulle vie urinarie quali bevande gasate, agrumi e condimenti piccanti.

Farmaci

Di seguito è riportato l'elenco dei principi attivi maggiormente utilizzati nella cura di questa patologia. E' sempre necessario consultare il proprio medico per la scelta di un farmaco, del principio attivo e della posologia più indicati per il paziente.

Tags:

Patologie e sintomi:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa