Limoni per la ricerca

03 aprile 2018
News

Limoni per la ricerca


Al via la seconda edizione de "I Limoni per la Ricerca", progetto di Fondazione Umberto Veronesi, realizzato in collaborazione con Citrus - L'Orto Italiano, per finanziare la ricerca scientifica.
Dal 4 al 22 aprile il oltre 2.500 supermercati sarà possibile acquistare le retine da 500 grammi di limoni al costo di 2,00 euro. Per  ogni retina di limoni venduta  40 centesimi saranno devoluti alla ricerca.
La prima edizione de "I Limoni per la Ricerca" nell'aprile 2017 ha permesso di raccogliere 90.000 euro che hanno finanziato il lavoro di tre ricercatrici.
L'iniziativa nasce dall'idea di diffondere l'uso del limone per le sue proprietà nutritive e preventive, come la molecola antitumorale contenuta nella buccia: il limonene.

Le virtù del limone

Il limone è noto per il suo contenuto di vitamina C, importantissima nella formazione del collagene e nell'assorbimento del ferro inorganico (non -eme), ma dotata anche di proprietà antiossidanti: può aiutare ad evitare il danno cellulare da "radicali liberi" implicato nella progressione di diverse malattie tra cui il cancro, le malattie cardiovascolari e la formazione della cataratta. Come la maggior parte degli altri agrumi, contiene numerosi altri nutrienti essenziali: carboidrati (zuccheri e fibre), potassio, acido folico, calcio, tiamina, niacina, vitamina B6, fosforo, magnesio, rame, riboflavina, acido pantotenico e, in particolare nella buccia, vari composti fitochimici come monoterpeni, limonoidi, flavonoidi, carotenoidi ed acidi idrossicinnamici.
Questi composti hanno dimostrato in diversi studi scientifici capacità antiossidanti, effetti sulla differenziazione cellulare e potere detossificante che renderebbero i limoni, se regolarmente consumati, una componente importante di una dieta volta a ridurre il rischio di malattia.





Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube