Donne che allattano al seno: perché aumentare il consumo di frutta e verdura

23 settembre 2018

News

Donne che allattano al seno: perché aumentare il consumo di frutta e verdura



È possibile un intervento dietetico tra le donne che allattano per aumentare il loro consumo di frutta e verdura? L'aumentato consumo di frutta e verdura, da 8 a 10 porzioni al giorno per 12 settimane consecutive, altera il profilo delle citochine infiammatorie del latte materno? A entrambe le domande risponde il team di ricerca del campus di Amherst dell'Università del Massachusetts. Il loro studio pilota dimostra che è fattibile aumentare l'assunzione di frutta e verdura nelle donne che allattano quando queste donne ricevono gratuitamente una fornitura a settimana di vegetali, una consulenza nutrizionale settimanale e viene loro richiesto di compilare un diario alimentare giornaliero in modo da esercitarsi nell'auto-monitoraggio. Più complesso rispondere invece alla seconda domanda. Dopo 12 settimane, i livelli di adiponectina nel latte materno sono aumentati nel gruppo di intervento ma non nel gruppo di controllo. Tale aumento è dovuto al consumo di frutta e verdura o conseguenza della perdita di peso, sapendo che i livelli di adiponectina sono, in generale, inversamente associati all'obesità e che la perdita di peso tende a determinare un aumento dei livelli circolanti? Ci sono diversi limiti di questo studio e la risposta alla domanda manca, ma resta interessante nell'intervento dietetico e offre spunti di riflessione per lavorare sull'incremento del consumo di vegetali che sappiamo giocare un ruolo importante nella biologia di base del cancro al seno, perché le citochine infiammatorie nel seno sono direttamente correlate alla crescita e alla proliferazione delle prime cellule pre-maligne.

fonte: Nutrizione33



Vedi anche:


Potrebbe interessarti
Per una gravidanza serena
10 febbraio 2019
Libri e pubblicazioni
Per una gravidanza serena
Seno, come prendersene cura
02 febbraio 2019
Notizie e aggiornamenti
Seno, come prendersene cura
L'esperto risponde