SOS bambini: corpi estranei nell’occhio, che fare?

06 maggio 2019

News

SOS bambini: corpi estranei nell’occhio, che fare?



I corpi estranei che possono entrare negli occhi possono essere granelli di polvere, sabbia o moscerini oppure schegge di metallo, vetro o legno. Se l'oggetto estraneo è una particella, i sintomi possono comparire immediatamente, oppure a distanza di 1-2 giorni: dolore, senso di fastidio alla luce, sensazione di corpo estraneo nell'occhio che lacrima ed è arrossato. In alcuni casi l'oggetto può causare un'emorragia all'occhio ben evidente, che si manifesta con una macchia rossa da rottura di capillari sanguigni. In caso di sostanza chimica, il bambino piange e si strofina spesso l'occhio, che è arrossato e brucia.

Cosa fare in caso di corpi estranei:

  • nel caso di ciglia, sabbia, moscerini, lavare accuratamente l'occhio, quindi distanziare delicatamente le palpebre e nel frattempo, facendo guardare il bambino verso destra e verso sinistra, in alto e in basso, esaminare l'occhio;
  • qualora la manovra non desse risultati provate a rimuovere il corpo estraneo con una compressa di garza mida o con l'angolo di un fazzoletto di stoffa o carta pulito. Se non si ottengono risultati rivolgersi al Pronto Soccorso.

Cosa non fare in caso di corpi estranei:

  • non strofinare l'occhio.

Il contatto con polvere, sabbia, schegge di legno o particelle di metallo può graffiare o tagliare la cornea, determinando un'abrasione corneale, cioè una lesione della membrana trasparente situata nella parte anteriore dell'occhio che riveste l'iride e la pupilla permettendo il passaggio della luce verso le strutture interne dell'occhio. In caso di abrasione compare dolore, spesso intenso, arrossamento, bruciore, lacrimazione, visione offuscata, fotofobia (la luce dà fastidio). L'abrasione corneale va trattata rapidamente in quanto può guarire in 24-72 ore ma se trascurata o trattata male può evolvere in ulcera, erosione e causare lesioni permanenti.


Cosa fare in caso di abrasione corneale


Cosa fare in caso di abrasione corneale:

  • rimuovere eventuali corpi estranei;
  • rivolgersi a un medico che valuterà se affidarsi subito a un oculista per una terapia adeguata: colliri ad azione antidolorifica ed eventuale terapia antibiotica;
  • in linea di massima l'occhio leso va rivalutato entro 24-48 ore.

Cosa non fare in caso di abrasione corneale:

  • non tentare di rimuovere un oggetto se è penetrato profondamente nel bulbo oculare, anche se è di grandi dimensioni e impedisce di chiudere l'occhio.
  • non sfregare gli occhi dopo un infortunio: può peggiorare l'abrasione corneale.


Dottor Alberto Ferrando, pediatra, presidente Associazione pediatri liguri
Fonte: Primo soccorso pediatrico, Edizioni Lswr

 



Vedi anche:


Ultimi articoli
L'esperto risponde