Il beneficio delle cure palliative nei pazienti in ospedale con insufficienza cardiaca

14 giugno 2020
News

Il beneficio delle cure palliative nei pazienti in ospedale con insufficienza cardiaca


Secondo uno studio pubblicato sul Journal of the American Heart Association, nei pazienti con insufficienza cardiaca e che sono ricoverati in ospedale, le cure palliative diminuiscono il rischio di nuovo ricovero e la necessità di procedure invasive, come la ventilazione meccanica e la defibrillazione. «L'approccio multidisciplinare delle cure palliative include interventi mirati a minimizzare la sofferenza e massimizzare la qualità di vita» scrivono Michelle Diop, del Providence Va Medical Center negli Stati Uniti, e colleghi, i quali spiegano come queste cure possano essere fornite contemporaneamente ad altri trattamenti medici.

Nel loro studio, i ricercatori hanno identificato i pazienti del Veterans Administration External Peer Review Program che tra il 2010 e il 2015 sono stati ricoverati per insufficienza cardiaca in uno dei 124 Va medical centers. Su 57.182 pazienti, 1.431 hanno ricevuto cure palliative. Questi sono stati abbinati, per età, genere e simili condizioni di salute, ad altrettanti pazienti che, al contrario, non hanno ricevuto questo tipo di assistenza. Ebbene è stato osservato che, nei 6 mesi dopo la dimissione dall'ospedale, le cure palliative hanno ridotto i tassi di ri-ospedalizzazione multipla (30,9% dei pazienti che hanno ricevuto con cure palliative contro 40,3% dei pazienti del gruppo controllo), la ventilazione meccanica (2,8% contro 5,4%) e l'impianto di defibrillatore (2,1% contro 3,6%). Inoltre, dopo aggiustamento per le differenze tra gli ospedali, le cure palliative sono state associate a una riduzione di circa il 25% della possibilità di nuovo ricovero e ventilazione meccanica.

«C'è un'incomprensione su quando le cure palliative sarebbero benefiche, persino nella comunità medica. C'è la percezione che siano fornite solo fino alla fine della vita, e questo non è vero» ha spigato James Rudolph, ultimo nome dello studio. «Le cure palliative aggiunte ai piani di trattamento di insufficienza cardiaca soprattutto quando un paziente è ricoverato possono avere un grande impatto sul paziente e sull'intero sistema sanitario» ha continuato.

Fonte: Doctor33


Bibliografia

J Am Heart Assoc. 2020. Doi: 10.1161/JAHA.119.013989
https://doi.org/10.1161/JAHA.119.013989





Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube