Mangiare sano previene le malattie cardiovascolari anche con modelli alimentari diversi

13 luglio 2020
News

Mangiare sano previene le malattie cardiovascolari anche con modelli alimentari diversi


Uno studio pubblicato su Jama Internal Medicine suggerisce che un maggior aderenza a diversi modelli dietetici sani è associata a un minor rischio di malattie cardiovascolari (Cvd). «Queste scoperte supportano le raccomandazioni del Dietary Guidelines for Americans 2015-2020, secondo cui multipli modelli alimentari sani possono essere adattati alle tradizioni e alle preferenze alimentari individuali» scrive Zhilei Shan, primo autore dello studio.

Nell'indagine sono stati inclusi individui da 3 ampi studi di coorte con un follow-up fino a 32 anni, per un totale di oltre 165.000 donne (dal Nurses' Health Study e dal Nurses' Health Study II) e oltre 43.000 uomini (dal Health Professionals Follow-up Study).

Anche se le associazioni con il rischio Cvd dei singoli nutrienti o alimenti erano già state esaminate, è importante ricordare che questi vengono consumati in numerose combinazioni. Shan e colleghi si sono chiesti quindi se diversi modelli alimentari sani fossero associati al rischio Cvd a lungo termine.

Le informazioni dietetiche dei partecipanti sono state raccolte ogni 2-4 anni e sono stati ricavati i punteggi alimentari per 4 modelli: Healthy Eating Index-2015 (Hei-2015), Alternate Mediterranean Diet Score (Amed), Healthful Plant-Based Diet Index (Hpdi) e Alternate Healthy Eating Index (Ahei). Durante 5.257.190 anni-persona di follow-up, sono stati documentati 23.366 casi incidenti di Cvd, di cui 18.092 di malattia coronarica (Chd) e 5.687 ictus (alcuni individui hanno avuto entrambi).

Dal confronto tra i quintili più alto e più basso sono stati osservati hazard ratio (Hr) aggregati aggiustati per multivariabili di Cvd pari a 0,83 per Hei-2015, a 0,83 per Amed, a 0,86 per Hpdi e a 0,79 per Ahei. Inoltre, un punteggio dietetico maggiore del 25° percentile è stato associato a una percentuale compresa tra 10% e 20% di minor rischio di Cvd (Hr aggregato rispettivamente di 0,80, 0,90; 0,86 e 0,81).

I punteggi dietetici sono risultati associati in modo statisticamente significativo a minor rischio di Chd e ictus quando considerati separatamente. Inoltre, gli autori hanno mostrato, in analisi stratificate per etnia e altri potenziali fattori di rischio per Cvd, che le associazioni tra i punteggi dietetici e il rischio di Cvd era coerente nella maggior parte dei sottogruppi. «Questi risultati supportano il concetto che gli individui possano scegliete differenti modelli alimentari sani basati sulle loro personali tradizioni o preferenze per prevenire le Cvd» spiegano. Lo studio ha diversi limiti, tra cui il fatto che la valutazione dietetica è stata basata su auto-segnalazione dei partecipanti.


Fonte: Doctor33

Jama Intern Med. 2020. Doi: 10.1001/jamainternmed.2020.2176
https://doi.org/10.1001/jamainternmed.2020.2176





Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube