Anche il feto risponde al cellulare della mamma

27 maggio 2015
Aggiornamenti e focus

Anche il feto risponde al cellulare della mamma


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Le donne in dolce attesa dovrebbero cercare di tenere il cellulare più lontano possibile dal bimbo che portano in grembo, per evitare di spaventarlo o comunque disturbarlo a ogni chiamata o messaggio in arrivo. Lo ha affermato pochi giorni fa un gruppo di ricercatori statunitensi nel corso del congresso degli Ostetrici e Ginecologi americani che ha avuto luogo a San Francisco.

«Lo scopo del nostro lavoro era valutare l'effetto di smartphone e dispositivi simili sul feto» spiega Boris Petrikovsky, professore di ostetricia e ginecologia e direttore della medicina materno-fetale al Wyckoff heights medical center di New York City, «e ci siamo resi conto che un piccolo che si trova nell'utero e che viene svegliato frequentemente da una suoneria non è certo particolarmente felice». Per arrivare a questa conclusione, Petrikovsky e colleghi hanno coinvolto nel loro studio 28 donne arrivate al terzo trimestre di gravidanza e che continuavano a svolgere il proprio lavoro di medici interni in ostetricia e ginecologia durante la gestazione. La scelta di questo gruppo di professioniste non è casuale: «Studi precedenti hanno messo in luce che i medici interni hanno in genere più complicazioni in gravidanza, come per esempio parti prematuri o pre-eclampsia (un problema alla placenta che può provocare alla donna ipertensione, presenza di proteine nelle urine e gonfiore)» dicono gli autori ricordando che, per la natura del loro lavoro, queste donne tengono spesso nella tasca del camice (e quindi vicino alla testa del bambino) il cellulare o il cerca-persona.

Ecco come si è svolto lo studio: i cellulari delle future mamme, tutti posti vicino alla testa del bambino, sono stati attivati con una serie di squilli separati da intervalli di 5 minuti e contemporaneamente le mamme sono state sottoposte a ecografia per vedere le reazioni del bambino. «Tutti i piccoli hanno mostrato reazioni al suono del cellulare: hanno ruotato la testa, aperto la bocca o mosso le palpebre» dice l'autore, ricordando che tutti i piccoli avevano un'età compresa tra 27 e 41 settimane. Reazioni simili se gli squilli arrivavano a intervalli di 10 minuti di distanza: il 90 per cento dei feti reagiva alla prima occasione, l'80 per cento anche agli squilli successivi.

«Non sappiamo se queste continue interferenze con i ritmi del bimbo portino a complicazioni della gravidanza, ma se possibile le future mamme dovrebbero cercare di tenere i loro smartphone più lontano possibile dal nascituro» conclude il ricercatore, che sottolinea però come anche i piccoli sembrano a un certo punto "abituarsi" a questi continue interruzioni, limitando le proprie risposte.

Tags:

Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Il libro della nanna: un aiuto per i genitori che non dormono
Infanzia
18 aprile 2021
Libri e pubblicazioni
Il libro della nanna: un aiuto per i genitori che non dormono
Pubertà precoce, in aumento i casi a seguito del lock-down?
Infanzia
14 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Pubertà precoce, in aumento i casi a seguito del lock-down?
I sintomi dell'otite
Infanzia
09 aprile 2021
Sintomi
I sintomi dell'otite