Tosse e raffreddore nei bambini? I rimedi casalinghi funzionano bene

02 febbraio 2016
News

Tosse e raffreddore nei bambini? I rimedi casalinghi funzionano bene



Sin dal 2008 l'autorità statunitense per i farmaci (Fda) ha raccomandato di non utilizzare nei bambini di età inferiore ai quattro anni i classici farmaci da banco - quelli che si acquistano senza ricetta del medico - usati per curare la tosse e il raffreddore. «Numerosi studi hanno dimostrato che questi medicinali offrono pochi vantaggi ai più piccoli e potrebbero addirittura causare effetti collaterali gravi» ribadiscono gli esperti della American Academiy of Pediatrics, ricordando che tra i quattro e i sei anni i piccoli pazienti possono assumere medicinali da banco per tosse e raffreddore, ma solo sotto lo stretto controllo del medico.

La buona notizia è che le alternative ci sono e possono essere preparate a casa in modo semplice e sicuro. Per il naso che cola, per esempio, serve un semplice fazzoletto di tessuto e poi si procede con l'aspirazione o facendo soffiare il naso al bimbo. «Non dimentichiamo che il naso che cola aiuta l'organismo a liberarsi dei virus e dei batteri che causano la malattia» dicono gli esperti. Se il naso è chiuso e intasato dal muco secco non servono medicinali: basta uno spray o qualche goccia di soluzione salina tiepida nelle narici. E se la farmacia è chiusa la soluzione salina si prepara a casa mescolando un po' di sale da cucina (poco meno di mezzo cucchiaino da tè) a 240 ml di acqua tiepida.

E per la tosse? «Sotto i tre mesi di età è meglio far visitare il piccolo da un pediatra, ma tra i tre mesi e l'anno vanno benissimo tre cucchiaini di liquido tiepido, acqua o succo di mela» suggeriscono i pediatri d'oltre oceano, «dopo l'anno si può ricorrere anche a un cucchiaino di miele». Umidificare meglio l'ambiente, magari con acqua tiepida nebulizzata, aiuta invece a lenire il fastidio degli attacchi di tosse.

Oltre ai consigli pratici su come far fronte a tosse e raffreddore nei primi anni di vita, dal documento dei pediatri statunitensi emergono però anche considerazioni più generali sul trattamento di questi sintomi. «Non sempre i bimbi hanno bisogno di essere trattati con farmaci. E se continuano a giocare e non sono particolarmente provati da tosse e raffreddore non servono nemmeno i rimedi casalinghi» dicono gli esperti ricordando che tosse, raffreddore e febbre inferiore ai 38 gradi possono essere positivi perché aiutano a eliminare virus e batteri.




Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube