Te lo dico con le faccine

21 febbraio 2019
News

Te lo dico con le faccine


Emoticon ed emozioni


Per comunicare le emozioni il faccia a faccia è meglio della tecnologia

La tecnologia offre grandi vantaggi in termini di comunicazione e i giovani ne fanno un ampio uso, ma per comunicare i sentimenti e imparare a riconoscere le emozioni non dette incontrarsi di persona resta la soluzione vincente. Il nostro volto non è sostituibile da una collezione di emoticon.

Bambini e ragazzi trascorrono anche più di 7,5 ore al giorno utilizzando i nuovi mezzi di comunicazione fuori dalla scuola e la forma di comunicazione più in voga tra i giovani è rappresentata senza dubbio dai messaggi inviati con gli smartphone.  In due diversi studi si sono approfonditi gli effetti di questo modo di comunicare nei ragazzi.

Nel primo studio, coordinato da Patricia Greenfield dell'Università della California a Los Angeles, sono stati coinvolti 51 preadolescenti che hanno trascorso cinque giorni lontani dalla tecnologia. «Prima e dopo questo periodo senza i loro abituali mezzi di comunicazione abbiamo chiesto ai ragazzi di interpretare gli stati emotivi di persone rappresentate in fotografia o in filmati privi di audio» spiega la ricercatrice che ha osservato come dopo i cinque giorni, i ragazzi fossero molto più bravi nel riconoscere le emozioni sui volti rispetto ai loro coetanei che non avevano mai interrotto le comunicazioni tecnologiche.

Il secondo studio ha invece coinvolto 64 giovani adulti sottoposti ad "attività stressanti" come parlare in pubblico e che hanno ricevuto supporto emotivo da un caro amico via sms o di persona, oppure non hanno ricevuto alcun supporto. «Il supporto "faccia a faccia" ha avuto l'effetto più ampio nel migliorare l'umore dopo l'esperienza stressante, anche se i partecipanti hanno dichiarato che il supporto via messaggi o di persona erano equivalenti» spiega Susan Holtzman della University of British Columbia e autrice della ricerca.

«Non c'è niente di sbagliato nell'utilizzo della tecnologia per comunicare, ma serve equilibrio» commenta Ellen Wartella, professore di comunicazione alla Northwestern University di Evanston (Usa), «c'è una sorta di semplice mantra quando si ha a che fare con la tecnologia, di qualunque tipo: mantieni l'equilibrio con il resto della tua vita e con le cose che fai».

Vedi il nostro focus su Le Emozioni per approfondire.





Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube