I gas di scarico aumentano il rischio di ictus

02 luglio 2010
News

I gas di scarico aumentano il rischio di ictus


E' questo il risultato di una ricerca danese condotta dalla Danish Cancer Society di Copenhagen, che ha messo a confronto, relativamente agli anni 2003-2007, i giorni in cui si sono registrate le maggiori percentuali di inquinamento atmosferico nella capitale danese con le 7485 ammissioni ospedaliere, durante lo stesso periodo, con diagnosi di ictus, sia ischemico sia emorragico, sia in forma lieve che severa, in soggetti che abitavano in un raggio di 15 chilometri dai luoghi di maggior inquinamento. Ebbene, nei giorni successivi ai picchi di particelle fini di particolato diffuse nell'aria i ricoveri in ospedale per attacchi di ictus sono aumentati del 21 per cento, e questa percentuale si riferisce a soggetti che non avevano precedenti problemi cardiaci. In generale, Andersen e colleghi hanno quantificato in 147 il numero di nuovi casi di ictus che ogni anno si verificano a Copenhagen e che possono essere ricondotti esclusivamente all'inquinamento atmosferico. «Questi dati suggeriscono che l'esposizione ai gas di scarico delle macchine è indubbiamente un fattore scatenante di eventi ischemici», conclude Andersen. «Sui meccanismi che determinano questo legame tra inquinamento atmosferico e insorgenza dello stroke non abbiamo però al momento spiegazioni scientifiche certe. L'unico consiglio che possiamo dare, peraltro scontato, è quello di evitare il più possibile di camminare in aree nelle quali il traffico automobilistico sia particolarmente intenso».

European Heart Journal 28 giugno 2010




Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube