Acalasia

20 gennaio 2021

Acalasia: cause, sintomi e cure


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Indice


Definizione


Restringimento dello sfintere gastroesofageo, con dilatazione secondaria dell'esofago.

L'acalasia esofagea , spesso indicata semplicemente come acalasia, è un cedimento delle fibre muscolari lisce che può causare la chiusura dello sfintere esofageo inferiore. L'acalasia esofagea è un disturbo della motilità esofagea che coinvolge lo strato muscolare liscio dell'esofago e lo sfintere esofageo inferiore. È caratterizzato dalla mancanza di peristalsi dell'esofago (incapacità della muscolatura liscia di spostare il cibo lungo l'esofago).

Sintomi


L'acalasia è caratterizzata da difficoltà a deglutire, rigurgito e talvolta dolore al petto.

disfagia tende a peggiorare progressivamente nel tempo e a coinvolgere sia i liquidi che i solidi. Alcune persone possono anche provare la tosse quando si trovano in posizione orizzontale. Il dolore toracico sperimentato, noto anche come cardiospasmo e dolore toracico non cardiaco, può spesso essere scambiato per un attacco di cuore.

A causa della somiglianza dei sintomi, l'acalasia può essere scambiata per disturbi più comuni come malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), ernia iatale e persino disturbi psicosomatici.

Cause

La causa della maggior parte dei casi di acalasia è sconosciuta. Le persone con acalasia mancano di cellule gangliari noradrenergiche, non colinergiche e inibitorie, causando uno squilibrio nella neurotrasmissione eccitatoria e inibitoria. La forma più comune è l'acalasia primaria, che non ha una causa sottostante nota. Tuttavia, una piccola percentuale si verifica secondaria ad altre condizioni, come il cancro esofageo, malattia di Chagas (una malattia infettiva comune in Sud America). L'acalasia colpisce circa una persona su 100.000 all'anno.

Diagnosi

I test specifici per l'acalasia sono la deglutizione del bario e la manometria esofagea.

La biopsia , ovvero la rimozione di un campione di tessuto durante l'endoscopia, non è tipicamente necessaria in acalasia ma se eseguita mostra una muscolatura ipertrofica.

Cure

Sono disponibili vari trattamenti, anche se nessuno cura la condizione. Alcuni farmaci possono essere utilizzati in alcuni casi, ma un sollievo più permanente è portato dalla dilatazione esofagea e dalla incisione chirurgica del muscolo (miotomia di Heller ).

La nifedipina sublinguale migliora significativamente i risultati nel 75% delle persone con malattia lieve o moderata. Si riteneva classicamente che la miotomia chirurgica fornisse un beneficio maggiore rispetto alla tossina botulinica o alla dilatazione in coloro che falliscono la gestione medica.

Cambiamenti nello stile di vita

Sia prima che dopo il trattamento, i pazienti con acalasia possono aver bisogno di mangiare lentamente, masticare molto bene, bere molta acqua durante i pasti ed evitare di mangiare prima di coricarsi. Sollevare la testa dal letto o dormire con un cuscino a cuneo favorisce lo svuotamento dell'esofago per gravità.

Farmaci

I farmaci che riducono la pressione LES sono utili. Questi includono bloccanti dei canali del calcio come la nifedipina e nitrati come isosorbide dinitrato e nitroglicerina. Tuttavia, molti pazienti sperimentano effetti collaterali spiacevoli come mal di testa e gonfiore ai piedi e questi farmaci spesso smettono di essere efficaci dopo diversi mesi.

La tossina botulinica (Botox) può essere iniettata nello sfintere esofageo inferiore per paralizzare i muscoli che lo tengono chiuso. Come nel caso del Botox cosmetico, l'effetto è solo temporaneo e dura circa 6 mesi. Le iniezioni di Botox causano cicatrici nello sfintere che possono aumentare la difficoltà della successiva miotomia di Heller. Questa terapia è consigliata solo a pazienti che non possono rischiare un intervento chirurgico, come gli anziani in cattive condizioni di salute. La dilatazione pneumatica ha una migliore efficacia a lungo termine rispetto al botox.

Tags:

Patologie e sintomi:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa