Gotta

12 aprile 2021

Gotta: cause, sintomi e cure


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Indice


Definizione


Gotta: definizione e generalità


Patologia caratterizzata dal deposito di cristalli di urato di sodio nelle articolazioni e nei tessuti circostanti, con attacchi infiammatori dolorosi delle articolazioni, a causa dell'aumento dei livelli ematici di acido urico (iperuricemia). Se non trattata, la malattia può aggravarsi e cronicizzarsi, portando alla distruzione dei tessuti e alla deformità articolare. Possono formarsi raccolte di cristalli di urato (tofi) nella cute e nei tessuti molli e calcoli renali formati da acido urico.

Cause


Gotta: cause principali


Fattori di rischio per la comparsa di iperuricemia sono: il sesso maschile, l'età, l'obesità, la familiarità, una dieta troppo ricca di purine (precursori dell'acido urico) e il consumo eccessivo di alcol. Esistono anche forme di iperuricemia secondarie ad altre patologie (malattie enzimatiche ereditarie, leucemie, farmaci, insufficienza renale). La precipitazione dei cristalli di urato nelle articolazioni è favorita da traumi, microtraumi, alterazioni articolari, riduzione della temperatura e ischemia articolari.

Sintomi

Gotta: sintomi più comuni


Il primo sintomo di un attacco acuto è il dolore, che compare in modo insidioso in genere nelle ore notturne e aumenta rapidamente fino a costringere all'immobilità. L'articolazione colpita appare gonfia e calda, ricoperta da cute arrossata e tesa. Possono essere presenti febbre e malessere generale. Le articolazioni più frequentemente colpite sono quelle del piede, l'alluce, la caviglia, il ginocchio, il polso e il gomito. La crisi si risolve di solito in pochi giorni. Gli attacchi acuti successivi si presentano a intervalli via via più brevi; a ogni attacco viene coinvolto un maggior numero di articolazioni, fino a giungere alla gotta cronica, contraddistinta da poliartrite, tofi e coinvolgimento dei visceri, in particolare dei reni.

Diagnosi

Gotta: come efftuare la diagnosi


La diagnosi di gotta si basa in primo luogo sui sintomi, poi sulla determinazione del livello ematico di acido urico (uricemia) e infine sulla ricerca di cristalli di acido urico nel liquido sinoviale (all'interno dell'articolazione colpita), prelevato mediante aspirazione.

Cure

Gotta: cure e rimedi


La risoluzione del dolore durante la fase acuta viene ottenuta con l'assunzione di FANS e della colchicina. In alcuni casi, specie nei pazienti che non tollerano altri farmaci, risultano utili i corticosteroidi. Per rimuovere alla base la causa della malattia, si somministrano farmaci in grado di ridurre il livello di acido urico, favorendone l'escrezione con le urine (uricosurici) o riducendone la sintesi (ipouricemizzanti come l'allopurinolo).

Cure complementari

Il mirtillo nero, il biancospino, le bacche di ginepro e l'ortica possono contribuire al controllo del livello di acido urico. Curcuma, corteccia di pino e semi d'uva hanno un'azione antinfiammatoria.

Alimentazione

Chi soffre di gotta deve evitare alimenti ricchi di purine come i molluschi, la carne rossa, le acciughe, le frattaglie, il pollame, e i legumi. L'alcol aumenta la produzione di urati e interferisce con la loro eliminazione. Per favorire l'eliminazione di acido urico è utile invece bere molta acqua e consumare agrumi, frutti di bosco, ciliegie, pomodori e verdure a foglia verde.

Farmaci

Di seguito è riportato l'elenco dei principi attivi maggiormente utilizzati nella cura di questa patologia. E' sempre necessario consultare il proprio medico per la scelta di un farmaco, del principio attivo e della posologia più indicati per il paziente.

Tags:

Patologie e sintomi:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa