Iperparatiroidismo

29 agosto 2017

Iperparatiroidismo



Definizione


Si definisce iperparatiroidismo la condizione di eccessiva secrezione di paratormone (Pth), causata nella maggioranza dei casi da un adenoma paratiroideo secernente (iperparatiroidismo primitivo). La malattia può anche essere la conseguenza di una diminuzione cronica del calcio extracellulare, in questo caso (iperparatiroidismo secondario) l'ipersecrezione di Pth è una risposta fisiologica che mantiene i livelli calcemici nella norma, ma nel tempo provoca iperplasia delle ghiandole paratiroidi.


Cause


L'iperparatiroidismo primitivo è dovuto nell'80% dei casi alla presenza di un adenoma paratiroideo (tumore benigno) che secerne paratormone, oppure a iperplasia delle paratiroidi; molto raramente a carcinoma paratiroideo.


Sintomi

L'ipercalcemia è il fattore centrale per la comparsa di un vario quadro sintomatologico, ed è anche il riscontro che oggi, da esami di routine, permette di sospettare la malattia. Non esiste una precisa correlazione quantitativa tra la calcemia e la comparsa di sintomi, perché esiste un'ampia variabilità individuale, tuttavia con valori calcemici di 11,5-12 mg/dl si possono manifestare disturbi soggettivi mentre da 13 mg/dl in poi si possono formare calcificazioni a livello di vari tessuti e insufficienza renale. Oltre i 15mg/dl si ha ipercalcemia grave che necessita di immediato intervento medico. Il quadro sintomatologico include: atrofia muscolare degli arti, astenia, vomito, dolori epigastrici, condrocalcinosi, artralgie, calcolosi renale, nefrocalcinosi, osteoporosi, perdita della memoria recente, sonnolenza, labilità emotiva, cheratite a banda nella cornea.


Diagnosi

All'esame del sangue il riscontro di ipercalcemia e Pth immunoreattivo molto elevati sono un indice suggestivo di iperparatioridismo. Analogamente la presenza di fosfaturia più elevata rispetto alla fosforemia. Accertata l'ipersecrezione di paratormone è utile eseguire altre indagini per la ricerca di complicanze a livello degli organi che possono essere interessati. La scintigrafia con doppio tracciante è necessaria per localizzare con precisione le aree ghiandolari da rimuovere chirurgicamente.


Cure

La terapia d'elezione è chirurgica e prevede la rimozione dell'adenoma o degli adenomi.

Fonte: Rugarli. Medicina Interna sistematica. Sesta edizione - 2010 Elsevier



Vedi anche:


Potrebbe interessarti
Sclerosi multipla: sondaggio e docufilm ne svelano l’impatto
Mente e cervello
24 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Sclerosi multipla: sondaggio e docufilm ne svelano l’impatto
Italiani e alcol: una ricerca mette in guardia sui rischi per la salute
Mente e cervello
23 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Italiani e alcol: una ricerca mette in guardia sui rischi per la salute
L'esperto risponde