Alprazolam Krka

26 gennaio 2021

Alprazolam Krka


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Alprazolam Krka (alprazolam)


Alprazolam Krka è un farmaco a base di alprazolam, appartenente al gruppo terapeutico Ansiolitici benzodiazepinici. E' commercializzato in Italia da KRKA Farmaceutici Milano S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Alprazolam Krka disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Alprazolam Krka disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Alprazolam Krka e perchè si usa


Alprazolam è indicato negli adulti per il trattamento sintomatico di:
  • ansia
  • attacchi di panico con o senza agorafobia.
Le benzodiazepine sono indicate soltanto quando il disturbo è grave, disabilitante e sottopone il soggetto a grave disagio.

Indicazioni: come usare Alprazolam Krka, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Il dosaggio ottimale dell'alprazolam va individualizzato a seconda della gravità dei sintomi e della risposta soggettiva del paziente.

Deve essere usata la dose più bassa in grado di controllare i sintomi, questo è di particolare importanza per i pazienti anziani o debilitati. Il dosaggio usuale è indicato di seguito; nei pochi pazienti che richiedono dosi più elevate, il dosaggio deve essere aumentato con cautela per evitare effetti avversi. In generale, i pazienti che non hanno precedentemente ricevuto farmaci psicotropi richiederanno dosi più basse rispetto a quelli così trattati.

Ansia

La dose iniziale è 0,75 – 1,5 mg al giorno, divisi in 3 dosi. Questo dosaggio può essere aumentato gradualmente, se necessario, fino ad un massimo di 4 mg al giorno in somministrazioni suddivise.

Attacchi di panico:

La dose iniziale è 0,5 – 1 mg somministrata prima di coricarsi. Questo dosaggio deve essere adattato individualmente e può essere aumentato fino ad un massimo di 1 mg ogni 3-4 giorni. Il dosaggio medio di mantenimento negli studi clinici è stato di 6 ± 2 mg al giorno suddiviso in 3-4 dosi. In alcuni casi, il dosaggio può essere aumentato fino a 10 mg al giorno, somministrato in dosi divise.

Anziani

Per i pazienti anziani e quelli sensibili agli effetti sedativi del prodotto, la dose iniziale e di mantenimento è di 0,5 - 0,75 mg al giorno suddivisa in 2 o 3 dosi. Il dosaggio può essere regolato gradualmente in base alla tollerabilità del paziente.

Compromissione epatica

Il metabolismo di alprazolam è prolungato nei pazienti con malattia epatica alcolica.

Si consiglia cautela nel trattamento di pazienti con insufficienza epatica (vedere paragrafo 4.4). La dose deve essere ridotta del 50%. Alprazolam è controindicato in caso di grave insufficienza epatica.

Danno renale

Si consiglia cautela nel trattamento di pazienti con danno renale (vedere paragrafo 4.4). La dose deve essere ridotta.

Popolazione pediatrica

Alprazolam Krka non deve essere utilizzato per il trattamento di bambini e adolescenti sotto i 18 anni di età. L'efficacia e la sicurezza non sono state stabilite.

Durata del trattamento

Il trattamento deve essere il più breve possibile. In generale la durata complessiva del trattamento non deve superare le 8-12 settimane, incluso il processo di riduzione graduale. Il paziente deve essere rivalutato regolarmente e deve essere valutata la necessità di continuare il trattamento, specialmente nel caso in cui il paziente sia privo di sintomi.

Interruzione del trattamento

La dose deve essere diminuita gradualmente per evitare sintomi di astinenza (vedere paragrafo 4.4). Si raccomanda di ridurre la dose giornaliera di alprazolam con non più di 0,5 mg ogni 3 giorni. In alcuni pazienti può essere opportuno ridurre la dose giornaliera anche più lentamente (0,5 mg a settimana).

Metodo di somministrazione

Uso orale.

Le compresse possono essere assunte con o senza cibo e devono essere ingerite con una piccola quantità di acqua.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Alprazolam Krka


  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.
  • Miastenia grave
  • Insufficienza respiratoria grave
  • Sindrome da apnea notturna
  • Insufficienza epatica grave

Alprazolam Krka può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Una grande quantità di dati basati su studi di coorte indica che l'esposizione alle benzodiazepine durante il primo trimestre di gravidanza non è associata ad un aumentato rischio di malformazioni maggiori. Tuttavia alcuni precedenti studi epidemiologici caso-controllo hanno trovato un aumentato rischio di schisi orale.

I dati hanno indicato che il rischio di avere un neonato con schisi orale in seguito ad esposizione materna alle benzodiazepine è inferiore a 2/1.000 contro una frequenza attesa di circa 1/1.000 per questa malformazione nella popolazione generale.

Il trattamento con benzodiazepina ad alte dosi, durante il secondo e/o terzo trimestre di gravidanza, ha rivelato una diminuzione dei movimenti fetali attivi e una variabilità del ritmo cardiaco fetale.

Quando il trattamento deve essere somministrato per ragioni mediche durante l'ultimo trimestre di gravidanza, anche a basse dosi, si può osservare una sindrome infantile flaccida come l'ipotonia assiale, problemi di suzione che portano ad uno scarso aumento di peso. Questi segni sono reversibili ma possono durare da 1 a 3 settimane, in base all'emivita del prodotto. A dosi elevate possono comparire depressione respiratoria o apnea e ipotermia in neonati. Inoltre, i sintomi di astinenza neonatale con ipereccitabilità, agitazione e tremore possono essere osservati pochi giorni dopo la nascita, anche se non si osserva alcuna sindrome del neonato floscio. L'apparizione dei sintomi di astinenza dopo la nascita dipende dall'emivita della sostanza.

Tenendo conto di questi dati, alprazolam non deve essere usato durante la gravidanza a meno che le condizioni cliniche della donna non richiedano il trattamento con alprazolam. Se alprazolam viene usato durante la gravidanza, o se la paziente rimane incinta mentre assume alprazolam, il paziente deve essere informato del rischio potenziale per il feto.

Se il trattamento con alprazolam è necessario durante l'ultima parte della gravidanza, devono essere evitate dosi elevate e devono essere monitorati nel neonato i sintomi di astinenza e/o di sindrome “Floppy infant“.

Allattamento

Alprazolam è escreto nel latte materno in piccole quantità. Tuttavia, il trattamento con alprazolam non è raccomandato durante l'allattamento.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Il sapore della felicità. Di Luca Pani
31 dicembre 2020
Notizie e aggiornamenti
Il sapore della felicità. Di Luca Pani
Chi siamo e da dove veniamo?
25 dicembre 2020
Notizie e aggiornamenti
Chi siamo e da dove veniamo?
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa