Dopamina Pfizer

17 aprile 2021

Dopamina Pfizer


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Dopamina Pfizer (dopamina cloridrato)


Dopamina Pfizer è un farmaco a base di dopamina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Simpaticomimetici. E' commercializzato in Italia da Pfizer S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Dopamina Pfizer disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Dopamina Pfizer disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Dopamina Pfizer e perchè si usa


Stati di shock di qualsiasi natura: shock cardiogenico-postinfartuale, shock chirurgico, shock ipovolemico o emorragico, shock tossi-infettivo, shock anafilattico.

L'impiego del farmaco non esime dalle altre misure dirette a ripristinare la volemia o da interventi diretti sulla patogenesi dello shock.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Dopamina Pfizer


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Non deve essere usato in pazienti con feocromocitoma o con ipertiroidismo e non può essere somministrato in presenza di tachiaritmie non trattate e di fibrillazione ventricolare.

Il ciclopropano e gli anestetici idrocarburi alogenati non devono essere usati insieme alla dopamina.

Dopamina Pfizer può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Gli studi negli animali non hanno evidenziato effetti teratogeni della dopamina, tuttavia, l'effetto della dopamina sul feto umano non è noto. Nelle donne in stato di gravidanza il prodotto va usato solo in caso di effettiva necessità sotto il diretto controllo del medico.

Allattamento

Non è noto se la dopamina viene escreta nel latte materno, né è noto il suo effetto nei neonati.

Quali sono gli effetti indesiderati di Dopamina Pfizer


Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati della dopamina, elencati secondo la classificazione sistemica organica MedDRA. Non sono disponibili dati sufficienti per stabilire la classe di frequenza dei singoli effetti elencati.

Gli effetti indesiderati più frequenti sono:

Patologie del sistema nervoso:

Cefalea

Patologie cardiache:

Battiti ectopici, tachicardia, dolore anginoso, palpitazioni

Patologie vascolari:

Ipotensione, vasocostrizione, ipertensione

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche:

Dispnea

Patologie gastrointestinali:

Nausea, vomito

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo:

Piloerezione

Gli effetti indesiderati meno frequenti sono:

Infezioni e infestazioni:

Gangrena. Reazioni gravi o fatali da gangrena dei piedi si sono verificate in seguito a dosaggi compresi tra 10 microgrammi/kg/min e 14 microgrammi/kg/min, o maggiori, in alcuni pazienti con malattie vascolari preesistenti.

Patologie dell'occhio:

Midriasi

Patologie cardiache:

Disturbo di conduzione, bradicardia, prolungamento del complesso QRS dell'elettrocardiogramma, raramente sono state segnalate aritmie ventricolari fatali

Patologie renali ed urinarie:

Azotemia

Esami diagnostici:

Aumento della pressione sanguigna

Durante la fase post marketing è stato segnalato il seguente effetto indesiderato con frequenza non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili):

Patologie cardiache:

Fibrillazione atriale

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa