Dorzostill

20 gennaio 2021

Dorzostill


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Dorzostill (dorzolamide cloridrato)


Dorzostill è un farmaco a base di dorzolamide cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Antiglaucoma. E' commercializzato in Italia da Bruschettini S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Dorzostill disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Dorzostill disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Dorzostill e perchè si usa


Dorzostill è indicato:
  • Come terapia di associazione ai beta-bloccanti,
  • Come monoterapia in pazienti che non rispondono al trattamento con beta-bloccanti o per i quali i beta-bloccanti sono controinidicati,

nel trattamento della pressione intra-oculare elevata in caso di:

  • ipertensione oculare,
  • glaucoma ad angolo aperto,
  • glaucoma pseudo-esfoliativo.

Indicazioni: come usare Dorzostill, posologia, dosi e modo d'uso


Via di somministrazione: oculare.

Quando usato come monoterapia, il dosaggio è una goccia di Dorzostill nel sacco congiuntivale dell'occhio o degli occhi affetti, tre volte al giorno.

In associazione con un beta-bloccante per uso oftalmico, il dosaggio è una goccia di Dorzostill nel sacco congiuntivale dell'occhio o degli occhi affetti, due volte al giorno.

Quando la dorzolamide viene usata in sostituzione di un altro agente oftalmico anti-glaucoma, interrompere l'altro farmaco dopo appropriata somministrazione giornaliera, ed iniziare la somministrazione di dorzolamide il giorno successivo.

Se si sta usando più di un prodotto medicinale topico oftalmico, i farmaci devono essere somministrati a intervalli di almeno 10 minuti l'uno dall'altro.

Vedere la sezione 4.4 riguardante l'uso di lenti a contatto.

Ai pazienti si deve raccomandare di evitare che la punta del contagocce venga a contatto con l'occhio o con le strutture circostanti.

I pazienti, inoltre, devono essere informati che le soluzioni oculari, se maneggiate in modo inappropriato, possono essere contaminate da batteri comuni in grado di causare infezioni oculari. Dall'uso di soluzioni contaminate possono derivare seri danni all'occhio e conseguente perdita della vista.

Modo di somministrazione:

  1. Per aprire il flacone svitare il tappo.
  2. Piegare la testa all'indietro e abbassare leggermente la palpebra inferiore a formare una tasca tra la palpebra e l'occhio.
  3. Rovesciare il flacone, e premerlo leggermente finché una singola goccia sia dispensata nell'occhio come da prescrizione medica. Non toccare l'occhio o la palpebra con la punta del contagocce. Come per tutti i colliri, per ridurre un possibile assorbimento sistemico, si raccomanda di premere il sacco lacrimale in corrispondenza dell'angolo interno dell'occhio (occlusione puntale) per un minuto immediatamente dopo la somministrazione di ciascuna goccia.
  4. Ripetere gli step 2 & 3 con l'altro occhio secondo prescrizione medica.
Richiudere il flacone immediatamente dopo l'uso riavvitando il tappo finché aderisca fermamente al flacone. Non avvitare eccessivamente.

La punta del contagocce ha forma tale da erogare una goccia di volume predeterminato; quindi, non allargare il foro del contagocce. Dopo aver assunto tutte le dosi, ci sarà del Dorzostill residuo nel flacone. Ciò non costituisce motivo di preoccupazione dato che un eccesso di Dorzostill è stato aggiunto nel flacone rispetto alla quantità totale di Dorzostill prescritta dal medico. Non tentare di rimuovere l'eccesso di prodotto dal flacone.

Popolazione pediatrica:

Limitati dati clinici sono disponibili sulla somministrazione di dorzolamide tre volte al giorno a bambini. (Per informazioni riguardanti dosaggio nei bambini leggere la sezione 5.1).

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Dorzostill


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

La dorzolamide non è stata studiata in pazienti con grave insufficienza renale (CrCl < 30 ml/min) o con acidosi ipercloremica. Poiché la dorzolamide ed i suoi metaboliti sono escreti per lo più dai reni, la dorzolamide è conseguentemente controindicata in tali pazienti.

Dorzostill può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza:

La dorzolamide non deve essere somministrata durante la gravidanza. Non sono disponibili dati clinici adeguati su donne in gravidanza esposte al farmaco. Nei conigli la dorzolamide ha causato effetti teratogeni alle dosi materno tossiche (vedere sezione 5.3).

Allattamento:

Non è noto se la dorzolamide venga escreta nel latte umano. É stata osservata una diminuzione del peso corporeo nei cuccioli allattati da ratti femmina trattati con dorzolamide. Se il trattamento con dorzolamide è necessario, si sconsiglia l'allattamento.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa