Epargriseovit

16 gennaio 2021

Epargriseovit


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Epargriseovit (cianocobalamina + acido folico + nicotinamide + acido ascorbico)


Epargriseovit è un farmaco a base di cianocobalamina + acido folico + nicotinamide + acido ascorbico, appartenente al gruppo terapeutico Vitamine. E' commercializzato in Italia da Pfizer S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Epargriseovit disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Epargriseovit disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Epargriseovit e perchè si usa


Carenze vitaminiche, con particolare riguardo a quelle di vitamina B12 e acido folico nelle gravi forme di deperimento organico, di iponutrizione conseguenti a malattie defedanti in tutti i casi in cui si renda necessaria la somministrazione parenterale di tali componenti.

Coadiuvante negli stati di anemia, sensibili alla vitamina B12 e all'acido folico.

Indicazioni: come usare Epargriseovit, posologia, dosi e modo d'uso


Adulti - Posologia media: 2-3 dosi alla settimana, a giudizio del medico, si possono somministrare 1 o 2 dosi al giorno.

Bambini - 2-3 dosi di Epargriseovit bambini alla settimana, secondo giudizio medico.

L'Epargriseovit può essere somministrato per via intramuscolare, endovenosa ed in perfusioni venose lente previa diluizione in 250-500 ml di soluzione fisiologica salina o glucosata.

Al momento dell'uso aspirare nella stessa siringa il contenuto di entrambe le fiale. 

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Epargriseovit


Ipersensibilità nota verso i componenti del prodotto.

Epargriseovit può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Non sono note interferenze negative.

Quali sono gli effetti indesiderati di Epargriseovit


La somministrazione del preparato, specie per via parenterale, può essere seguita da reazioni d'ipersensibilità per lo più generali consistenti in astenia, febbre, ipotensione, tachipnea, eruzioni cutanee, prurito. È possibile la comparsa di shock anafilattico.

Nel punto di iniezione si può verificare arrossamento, tumefazione e dolore.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa