Femity

29 luglio 2021

Femity


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Nota: Per informazioni su farmaci e confezioni ritirate dal commercio accedi al portale AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).


Cos'è Femity (estradiolo + levonorgestrel)


Femity è un farmaco a base di estradiolo + levonorgestrel, appartenente al gruppo terapeutico Estrogeni + progestinici.

A cosa serve Femity e perchè si usa


Terapia Ormonale Sostitutiva (TOS) indicata per i sintomi da carenza di estrogeni in donne in postmenopausa da più di un anno.

L'esperienza nel trattamento di donne d'età superiore ai 65 anni è limitata.

Indicazioni: come usare Femity, posologia, dosi e modo d'uso


Per uso transdermico.

Femity deve essere applicato una volta alla settimana, cioè ogni cerotto deve essere sostituito ogni 7 giorni. Femity è una terapia ormonale sostitutiva (TOS) combinata continua, senza un periodo d'interruzione: quando un cerotto viene rimosso, il successivo viene applicato immediatamente. Dimenticare di sostituire il cerotto secondo lo schema suggerito può aumentare la probabilità di emorragie da rottura o spotting.

Nelle donne con amenorrea e che non fanno uso di TOS o in quelle che provengono da una TOS combinata continua con un'altra specialità, il trattamento con Femity può essere iniziato in qualsiasi giorno.

Nelle donne che provengono da TOS sequenziali, il trattamento deve iniziare subito dopo la fine dell'emorragia da sospensione.

Per iniziare e continuare il trattamento dei sintomi postmenopausali deve essere usata la più bassa dose efficace per la durata più breve (vedere anche paragrafo 4.4).

Modo di somministrazione

Femity deve essere applicato su cute sana, asciutta, pulita, (non irritata o con escoriazioni), non trattata con creme, lozioni o altri prodotti oleosi.

Femity deve essere applicato in un'area cutanea senza grosse pieghe, vale a dire glutei o fianchi e non soggetta a sfregamento da parte dei vestiti (evitare il punto vita e anche d'indossare vestiti stretti che possono far staccare il cerotto transdermico).

Femity non deve essere applicato sul seno o nelle sue immediate vicinanze. È consigliabile evitare di applicarlo nello stesso punto due volte di seguito. Tra due applicazioni nello stesso sito deve intercorrere almeno una settimana.

Dopo aver aperto la busta, una metà del foglio protettivo deve essere staccata, facendo attenzione a non toccare con le dita la parte adesiva del cerotto transdermico. Il cerotto deve quindi essere applicato direttamente sulla pelle. Dopo, l'altra metà del foglio protettivo deve essere staccata ed il cerotto premuto con forza con il palmo della mano per almeno 30 secondi, in particolare sui bordi. La pressione e il calore della mano sono essenziali per assicurare la massima adesività del cerotto.

È possibile fare una doccia o un bagno senza rimuovere il cerotto transdermico. Nel caso in cui quest'ultimo si dovesse staccare prematuramente, cioè prima del settimo giorno (a causa di intensa attività fisica, eccessiva sudorazione, anomalo strofinamento degli indumenti), si deve applicare un nuovo cerotto (per aiutare la compliance si consiglia che la paziente continui, poi, a cambiare il cerotto nel giorno prefissato).

Una volta applicato, evitare che il cerotto transdermico sia esposto alla luce diretta del sole.

La rimozione del cerotto transdermico deve essere eseguita lentamente per evitare d'irritare la pelle. Nel caso in cui un po' di adesivo rimanesse sulla pelle, questo, di solito, può essere tolto strofinando delicatamente con una crema o una lozione oleosa.

Dopo la rimozione Femity deve essere piegato in due (con la superficie adesiva all'interno) ed eliminato utilizzando un normale contenitore domestico per la raccolta dei rifiuti solidi.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Femity


  • carcinoma mammario pregresso, sospetto o accertato;
  • tumori maligni estrogeno-dipendenti (es. carcinoma endometriale) sospetti o accertati;
  • sanguinamento genitale non diagnosticato;
  • iperplasia endometriale non trattata;
  • tromboembolismo venoso idiopatico in atto o pregresso (es. trombosi venosa profonda, embolia polmonare);
  • disturbi trombofilici accertati (ad es. carenza di proteina C, proteina S o antitrombina, vedere paragrafo 4.4);
  • malattia tromboembolica arteriosa in atto o recente (es. angina pectoris, infarto miocardico);
  • epatopatia acuta o pregressa finché gli esami di funzionalità epatica non siano tornati nella norma;
  • ipersensibilità nota ai principi attivi o ad uno qualunque degli eccipienti;
  • porfiria.

Femity può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Femity è controindicato in gravidanza. In caso di gravidanza durante l'utilizzo di Femity, il trattamento deve essere immediatamente interrotto.

Da un punto di vista clinico, i dati su un ampio numero di gravidanze durante trattamento non indicano effetti avversi del levonorgestrel sul feto.

Ad oggi, i risultati della maggior parte degli studi epidemiologici relativi all'involontaria esposizione fetale alla combinazione di estrogeni + progestinici, non indicano alcun effetto teratogeno o fetotossico.

Allattamento

Femity non è indicato durante l'allattamento.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Tutti i benefici del nuoto
Scheletro e articolazioni
27 luglio 2021
Notizie e aggiornamenti
Tutti i benefici del nuoto
Vaginite: come riconoscere i sintomi
Salute femminile
21 maggio 2021
Sintomi
Vaginite: come riconoscere i sintomi