Frondava 1 mg/g unguento 35 g

08 luglio 2020
Farmaci - Frondava

Frondava 1 mg/g unguento 35 g




Frondava 1 mg/g unguento 35 g è un farmaco a base di mometasone furoato, appartenente al gruppo terapeutico Corticosteroidi. E' commercializzato in Italia da Almirall S.p.A..


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Almirall Hermal GmbH

CONCESSIONARIO:

Almirall S.p.A.

MARCHIO

Frondava

CONFEZIONE

1 mg/g unguento 35 g

FORMA FARMACEUTICA
unguento

PRINCIPIO ATTIVO
mometasone furoato

GRUPPO TERAPEUTICO
Corticosteroidi

CLASSE
A

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

PREZZO
5,97 €


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)

Foglietto illustrativo Frondava (mometasone furoato)

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Frondava (mometasone furoato)? Perchè si usa?


Frondava è indicato per il trattamento sintomatico delle malattie cutanee di natura infiammatoria che rispondono a un trattamento topico con glucocorticoidi, come la dermatite atopica e la psoriasi (con esclusione della psoriasi a larghe placche).

Frondava deve essere usato per trattare la cute molto secca, squamosa e screpolata quando sono indicate le preparazioni topiche a base di mometasone


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Frondava (mometasone furoato)


Frondava è controindicato nei pazienti con:
  • ipersensibilità al principio attivo o a uno qualsiasi degli eccipienti
  • rosacea al viso
  • acne vulgaris
  • dermatite periorale
  • prurito perianale e genitale
  • eruzioni da pannolino
  • infezioni batteriche (es. impetigine), virali (es. herpes simplex, herpes zoster, varicella) e micotiche (es. candida o dermatofiti)
  • tubercolosi
  • sifilide
  • reazioni alle vaccinazioni
È controindicato l'uso di Frondava sulle palpebre.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Frondava (mometasone furoato)


Evitare il contatto con gli occhi e l'uso sulle palpebre.

Frondava non deve essere applicato sulla pelle screpolata e sulle mucose.

Usare cautela nei pazienti ipersensibili ad altri corticosteroidi. Se con l'uso di Frondava si manifesta irritazione o sensibilità, interrompere il trattamento e usare una terapia appropriata.

Dovesse manifestarsi un'infezione, usare un adeguato antimicotico o antibatterico. Se non si ottiene un immediato effetto positivo, interrompere l'uso del corticosteroide finchè l'infezione è adeguatamente controllata.

È comune il manifestarsi di tossicità locale e sistemica in seguito a un uso prolungato su vaste zone cutanee, nelle pieghe della cute e in caso di occlusioni. È necessario usare cautela in caso di applicazioni su estese parti del corpo ed evitare un uso prolungato in tutti i pazienti, indipendentemente dall'età.

In caso di psoriasi, gli steroidi topici possono essere pericolosi per varie ragioni incluse recidive dovute a sviluppo di tolleranza, rischio di psoriasi pustolosa centralizzata e sviluppo di tossicità locale e sistemica dovuta a una danneggiata funzione di barriera della pelle. È importante controllare i pazienti con psoriasi che ne fanno uso.

Come con tutti i glucocorticoidi topici potenti, evitare d'interrompere improvvisamente il trattamento. Quando si interrompe l'uso prolungato di potenti glucocorticoidi, si possono manifestare recidive nella forma di dermatiti con intenso rossore, irritazione e bruciore. Ciò può essere prevenuto riducendo gradualmente il trattamento, per esempio somministrando a intermittenza il prodotto prima della sospensione definitiva.

In alcuni pazienti possono manifestarsi iperglicemia e glicosuria per effetto dell'assorbimento sistemico.

I glucocorticoidi possono modificare l'aspetto di alcune ferite rendendo difficile la diagnosi e possono anche ritardare la guarigione.

Frondava contiene il propilenglicol-monopalmitostearato che può provocare reazioni cutanee e l'alcol cetostearilico emulsionante che può provocare reazioni cutanee localizzate (ad es. dermatite da contatto).

Disturbi visivi

Con l'uso di corticosteroidi sistemici e topici possono essere riferiti disturbi visivi. Se un paziente si presenta con sintomi come visione offuscata o altri disturbi visivi, è necessario considerare il rinvio a un oculista per la valutazione delle possibili cause che possono includere cataratta, glaucoma o malattie rare come la corioretinopatia sierosa centrale (CSCR), che sono state segnalate dopo l'uso di corticosteroidi sistemici e topici.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Frondava (mometasone furoato)


Non sono stati eseguiti studi sulle interazioni.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Frondava (mometasone furoato)? Dosi e modo d'uso


Adulti, inclusi anziani, adolescenti e bambini di età uguale o superiore a 6 anni.

Applicare uno strato sottile di Frondava sulle aree cutanee interessate una volta al giorno.

I corticosteroidi topici forti non devono essere usati sul viso senza lo stretto controllo del medico.

Frondava non deve essere usato per periodi lunghi (oltre 3 settimane) o su aree cutanee estese (oltre il 20% della superficie corporea).

Nei bambini di età uguale o superiore a 6 anni si può trattare al massimo il 10% della superficie corporea e non deve essere usato in maniera occlusiva o negli spazi intertriginosi. Il periodo di trattamento deve essere limitato ad un massimo di 3 settimane. L'uso di corticosteroidi meno potenti è spesso consigliabile in presenza di un miglioramento clinico.

Bambini di età inferiore a 6 anni

Frondava è un potente glucocorticoide del III gruppo: non deve essere utilizzato nei bambini al di sotto dei 6 anni di età per insufficienti dati di sicurezza.

Per applicazione cutanea (uso cutaneo).


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Frondava (mometasone furoato)


L'eccessivo uso prolungato di corticosteroidi topici può portare alla soppressione della funzionalità dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), provocando insufficienza corticosurrenale secondaria. In tal caso, con le precauzioni richieste in queste circostanze, è necessario ridurre la frequenza delle applicazioni o cercare di sospendere il trattamento.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Frondava (mometasone furoato) durante la gravidanza e l'allattamento?


Fertilità

Nessun effetto noto

Gravidanza

I corticosteroidi attraversano la placenta. Sono disponibili dati limitati sull'uso topico del mometasone durante la gravidanza. Dopo l'uso sistemico di alte dosi di corticosteroidi sono stati descritti effetti sul feto/neonato (ritardo della crescita intrauterina, soppressione corticosurrenale, palatoschisi).

Studi nell'animale hanno evidenziato tossicità riproduttiva e teratogenesi (vedere paragrafo 5.3); non è noto il potenziale di rischio per l'uomo.

Sebbene l'esposizione sistemica sia limitata, Frondava deve essere somministrato in gravidanza solo in seguito a un attento esame dei rischi e dei benefici.

Allattamento

Non è noto se il mometasone è escreto nel latte materno. Frondava deve essere somministrato nelle madri in allattamento solo in seguito a un attento esame dei rischi e dei benefici. Durante l'allattamento Frondava non deve essere applicato nell'area della mammella.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Frondava (mometasone furoato) sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


Frondava non ha effetti o ne ha trascurabili sulla capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.


PRINCIPIO ATTIVO


Ogni grammo di unguento contiene 1 mg di mometasone furoato (0,1% mometasone furoato).

Eccipienti con effetto noto: 25 mg propilenglicol-monopalmitostearato e 50 mg di alcol cetostearilico emulsionante (tipo A) / 1 g di unguento.

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI


Paraffina morbida bianca

Paraffina liquida

2-metilpentano-2,4-diolo

Alcol cetostearilico emulsionante (tipo A, contenente fosfato bisodico/ idrogenofosfato di potassio per l'aggiustamento del pH)

Propilenglicol-monopalmitostearato

Cera d'api bianca

Acqua purificata

Acido citrico anidro

Citrato sodico


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 24 mesi

Questo medicinale non richiede alcuna speciale condizione di conservazione.


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


L'unguento è contenuto in un tubo di alluminio con tappo a vite in polietilene ad alta densità bianco, in una scatola di cartone. Confezione da 1 tubo.

Confezioni: 

tubi contenenti: 10 g, 15 g, 20 g, 25 g, 30 g, 35 g, 50 g, 60 g, 70 g, 90 g e 100 g

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.


PATOLOGIE CORRELATE



Data ultimo aggiornamento scheda: 29/11/2018

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube