Ozased 2 mg/ml soluzione orale in contenitore monodose 10 fiale

21 aprile 2024
Farmaci - Ozased

Ozased 2 mg/ml soluzione orale in contenitore monodose 10 fiale


Tags:


Ozased 2 mg/ml soluzione orale in contenitore monodose 10 fiale è un medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico (classe H), a base di midazolam, appartenente al gruppo terapeutico Ipnotici e sedativi benzodiazepinici. E' commercializzato in Italia da TheSI Farma S.r.l.


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE:

Primex Pharmaceuticals OY

CONCESSIONARIO:

TheSI Farma S.r.l.

MARCHIO

Ozased

CONFEZIONE

2 mg/ml soluzione orale in contenitore monodose 10 fiale

FORMA FARMACEUTICA
soluzione

PRINCIPIO ATTIVO
midazolam

GRUPPO TERAPEUTICO
Ipnotici e sedativi benzodiazepinici

CLASSE
H

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, utilizzabile esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile - vietata la vendita al pubblico

PREZZO
198,10 €


CONFEZIONI DISPONIBILI IN COMMERCIO


Confezioni e formulazioni di Ozased disponibili in commercio:

  • ozased 2 mg/ml soluzione orale in contenitore monodose 10 fiale (scheda corrente)

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)


Foglietto illustrativo Ozased »

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Ozased? Perchè si usa?


OZASED è indicato nei neonati, bambini e adolescenti di età compresa tra 6 mesi e 17 anni, per la sedazione moderata prima di una procedura terapeutica o diagnostica per alleviare l'ansia, l'angoscia e l'agitazione correlate alla procedura o come premedicazione prima dell'anestesia.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Ozased?


Nei pazienti affetti da:
  • ipersensibilità al principio attivo, alle benzodiazepine o ad uno qualsiasi degli eccipienti;
  • miastenia grave;
  • insufficienza respiratoria grave;
  • anomalia anatomica del tratto respiratorio o malattia polmonare;
  • sindrome da apnea notturna;
  • compromissione epatica grave.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Ozased?


Midazolam deve essere somministrato esclusivamente da operatori sanitari in un ambiente completamente attrezzato per il monitoraggio e il supporto delle funzioni respiratorie e cardiovascolari e da persone specificamente addestrate al riconoscimento e alla gestione degli eventi avversi previsti, inclusa la rianimazione respiratoria e cardiaca. Sono stati segnalati gravi eventi avversi cardiorespiratori. Questi hanno incluso depressione respiratoria, apnea, arresto respiratorio e/o arresto cardiaco. Tali incidenti potenzialmente letali hanno maggiori probabilità di verificarsi quando viene somministrato un dosaggio elevato.

Somministrazione nei pazienti ad alto rischio

Midazolam deve essere utilizzato con cautela nei pazienti affetti da insufficienza respiratoria cronica poiché potrebbe aggravare la depressione respiratoria.

Midazolam deve essere utilizzato con cautela nei pazienti affetti da compromissione epatica lieve o moderata, insufficienza cardiaca o insufficienza renale cronica. Midazolam o i suoi metaboliti possono accumularsi nei pazienti affetti da insufficienza renale cronica o da insufficienza epatica; la clearance di midazolam può essere ridotta nei pazienti affetti da insufficienza cardiaca.

Midazolam orale deve essere utilizzato con cautela nei pazienti in cattivo stato di salute, poiché sono maggiormente sensibili agli effetti delle benzodiazepine sul sistema nervoso centrale.

Modifiche all'eliminazione di midazolam

Midazolam orale deve essere utilizzato con cautela nei pazienti trattati con medicinali noti per inibire o indurre il CYP3A4 (vedere paragrafo 4.5).

Uso concomitante di alcol/depressori del sistema nervoso centrale

Evitare l'uso combinato di midazolam e alcol e/o depressori del sistema nervoso centrale. È probabile che questa combinazione aumenti gli effetti clinici di midazolam, comportando una profonda sedazione o depressione respiratoria clinicamente significativa (vedere paragrafo 4.5).

Storia di alcolismo o tossicodipendenza

Come altre benzodiazepine, midazolam non deve essere usato in pazienti con una storia di alcolismo o tossicodipendenza.

Amnesia

Midazolam provoca amnesia anterograda.

Condizioni per le dimissioni

Alle dimissioni, i pazienti che hanno ricevuto midazolam devono essere accompagnati da un adulto e devono lasciare la stanza e l'ambiente ospedaliero solo dopo una completa ripresa dagli effetti sedativi e su autorizzazione del medico.

Eccipienti:

Alla dose singola raccomandata di 0,25 mg/kg (con una singola dose massima di 20 mg), la quantità di gammadex è 10 mg/kg (con una dose singola massima di 800 mg). Questa quantità di gammadex è inferiore all'esposizione giornaliera consentita (200 mg/kg/giorno e 20 mg/kg/giorno per i bambini di età inferiore ai 2 anni). Pertanto, anche se OZASED venisse inavvertitamente usato con una dose di 0,5 mg/kg, la quantità di gammadex non supererebbe l'esposizione giornaliera consentita.

Questo medicinale contiene una quantità inferiore a 1 mmol (23 mg) di sodio per fiala, vale a dire che è essenzialmente privo di sodio.

Questo medicinale contiene 17,4 mg di alcol (etanolo) in ogni unità di dosaggio, fiala da 5 ml, che è equivalente a 3,5 mg/ml (etanolo/soluzione) o 0,32% w/v.

La quantità di etanolo in 1 fiala da 5 ml di questo medicinale (17,4 mg) è equivalente a 0,2 ml di vino. La quantità di etanolo in 2 fiale da 5 ml di questo medicinale (34,8 mg) è equivalente a 0,4 ml di vino, alla posologia massima di 20 mg di midazolam.

La piccola quantità di alcol in questo medicinale non produrrà effetti rilevanti.


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Ozased?


Interazioni farmacocinetiche

Poiché midazolam viene metabolizzato prevalentemente dall'enzima CYP3A4, gli inibitori e gli induttori del CYP3A4 possono aumentare o ridurre rispettivamente le concentrazioni plasmatiche, con conseguenti aumento o riduzione degli effetti clinici di midazolam e aumento o riduzione della sua durata d'azione. Si raccomanda pertanto il monitoraggio accurato degli effetti clinici e dei segni vitali del paziente in seguito alla somministrazione di midazolam con un inibitore del CYP3A4, anche dopo una singola dose.

In caso di inibizione o inibizione irreversibile di CYP3A4, l'effetto sulla farmacocinetica di midazolam potrebbe persistere per un periodo compreso tra diversi giorni e diverse settimane successivi alla somministrazione del modulatore del CYP3A4 (ad esempio claritromicina, eritromicina, inibitori delle proteasi dell'HIV, verapamil, diltiazem, atorvastatin, aprepitant).

Durante la co-somministrazione di etinilestradiolo e norgestrel utilizzato come contraccettivo orale, l'esposizione a midazolam non viene alterata in modo significativo.

Inibitori del CYP3A4:
  • Antifungini azolici: chetoconazolo, itraconazolo, voriconazolo, fluconazolo, posaconazolo.
  • Inibitori della proteasi dell'HIV: saquinavir e altri inibitori di proteasi, comprese le combinazioni contenenti ritonavir.
  • Antibiotici macrolidi: claritromicina, eritromicina, telitromicina, roxitromicina; la roxitromicina aumenta l'emivita terminale di midazolam somministrato per via orale sotto forma di compressa del 30%.
  • Calcioantagonisti: diltiazem, verapamil; verapamil e diltiazem moltiplicano le concentrazioni plasmatiche di midazolam orale di 3 e 4 volte rispettivamente e aumentano l'emivita terminale rispettivamente del 41% e del 49%.
  • Antagonisti della sostanza P: aprepitant; aprepitant causa un aumento dose-dipendente nelle concentrazioni plasmatiche di midazolam orale. Dopo 80 mg/giorno di aprepitant, la concentrazione plasmatica viene moltiplicata per 3,3, mentre l'emivita terminale per 2.
  • H2 antagonisti: cimetidina, ranitidina.
  • Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina: fluvoxamina.
  • Anticolinergici: propiverina.
  • Altri farmaci (atorvastatina, nefazodone, aprepitant, ivacaftor).
  • Prodotti vegetali: succo d'uva, Echinacea purpurea, rizoma di curcuma.
Induttori del CYP3A4:

 
  • Antibiotici rifamicine: rifampicina; la rifampicina riduce la concentrazione plasmatica di midazolam orale del 96% nei soggetti sani con una scomparsa quasi totale degli effetti psicomotori di midazolam.
  • Farmaci antiepilettici: carbamazepina, fenitoina; la somministrazione ripetuta di carbamazepina o fenitoina riduce la concentrazione plasmatica di midazolam orale di circa il 90% e ne riduce l'emivita terminale del 60%.
  • Inibitori della trascrittasi inversa: efavirenz; il rapporto di α-idrossimidazolam (metabolita generato dal CYP3A4) viene incrementato di un fattore di cinque rispetto a midazolam, confermando l'effetto di induzione di efavirenza sul CYP3A4.
  • Iperico (Hypericum perforatum).
L'alterazione della farmacocinetica di altri medicinali da parte di midazolam non è nota.

Interazioni farmacodinamiche

È probabile che la somministrazione concomitante di midazolam con altri agenti sedativi/ipnotici e depressori del sistema nervoso centrale aumenti la sedazione e la depressione respiratoria.

Tali agenti sedativi/ipnotici includono l'alcol (compresi i medicinali contenenti alcol), oppiacei/oppioidi (se utilizzati come analgesici, antitosse o trattamenti sostitutivi), antipsicotici, altre benzodiazepine utilizzate come ansiolitici o ipnotici, barbiturici, propofol, ketamina, etomidato, sedativi antidepressivi, antistaminici, antiepilettici e antipertensivi ad azione centrale. Midazolam riduce la concentrazione alveolare minima (Minimum Alveolar Concentration, MAC) degli anestetici per inalazione.

L'effetto combinato dell'alcool e di midazolam, nonché il consumo di alcol quando si somministra midazolam, devono essere rigorosamente evitati, (vedere i paragrafi 4.4 e 4.9).


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Ozased? Dosi e modo d'uso


OZASED deve essere somministrato esclusivamente da un operatore sanitario. Prima della sedazione, devono essere rispettate le linee guida generali sul digiuno.

Posologia

La dose deve essere adattata al peso del paziente.

OZASED deve essere somministrato per via orale con una dose singola di 0,25 mg/kg nei popolazione pediatrica con un'età pari o superiore a sei mesi. Non si raccomanda una dose successiva immediata (vedere paragrafo 5.2).

La dose massima non deve superare 20 mg di midazolam (corrispondenti a 2 fiale) anche per i bambini e adolescenti con un peso superiore a 80 kg.

Ozased è indicato per la somministrazione singola e non sono disponibili dati riguardo alla somministrazione ripetuta di Ozased.

Nei bambini e adolescenti obesi, la dose deve essere somministrata in base al peso corporeo effettivo, fino al limite di 20 mg.

La dose deve essere adattata al peso del paziente. L'applicatore orale è graduato in chilogrammi, da 3 kg a 40 kg di peso corporeo, (vedere Paragrafo 6.6, n. 6), con tre tipi di linee di graduazione:
  • Una linea di graduazione piccola corrispondente a 1 kg, ovvero 0,25 mg di midazolam.
  • Una linea di graduazione intermedia corrispondente a 5 kg, ovvero 1,25 mg di midazolam.
  • Una linea di graduazione grande corrispondente a 10 kg, ovvero 2,5 mg di midazolam.
Per i pazienti di peso superiore a 40 kg, sono necessarie 2 fiale. La dose minima da prelevare da una fiala deve corrispondere a una dose da 3 kg. Per i pazienti che pesano 41 e 42 kg e che hanno bisogno di più di una fiala, prelevare una dose inferiore a 40 kg nella prima fiala e integrare la dose nella seconda fiala; vedere esempi di seguito:
  • Per un paziente di 41 kg, si raccomanda di prelevare 30 kg nella prima fiala e 11 kg nella seconda fiala.
  • Per un paziente di 42 kg, prelevare una dose corrispondente a 30 kg nella prima fiala e a 12 kg nella seconda fiala.
Popolazione speciale

Danno renale

OZASED deve essere utilizzato con cautela nei pazienti affetti da insufficienza renale cronica poiché l'eliminazione di midazolam potrebbe essere ritardata e i suoi effetti prolungati.

Compromissione epatica

La compromissione epatica riduce la clearance di midazolam, che a sua volta aumenta l'emivita terminale (di eliminazione), nonché la biodisponibilità. Dopo la somministrazione di midazolam in questi pazienti, è necessario monitorare accuratamente tali effetti e i segni vitali (vedere paragrafo 4.4).

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l'efficacia di OZASED nei bambini di età inferiore a sei mesi non sono state ancora stabilite. Non ci sono dati disponibili

Modo di somministrazione

OZASED è esclusivamente per uso orale e deve essere somministrato mediante l'applicatore orale fornito graduato in kg.

OZASED deve essere somministrato 30 minuti (in media) prima della procedura o dell'anestesia.

L'applicatore orale e la cannuccia sono dispositivi di prelievo e somministrazione monouso. Dopo l'uso, la fiala, l'applicatore orale e la cannuccia devono essere eliminati.

Per istruzioni complete, vedere il paragrafo 6.6.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Ozased?


Sintomi

Come tutte le benzodiazepine, midazolam causa comunemente sonnolenza, atassia, disartria e nistagmo. Il sovradosaggio di midazolam rappresenta raramente un rischio per la vita se il prodotto viene assunto da solo, ma un sovradosaggio può causare areflessia, apnea, ipotensione, depressione cardiorespiratoria e, in rari casi, coma. Gli effetti depressivi respiratori delle benzodiazepine sono più gravi nei pazienti affetti da malattie respiratorie o cardiache o se il farmaco è usato in combinazione ad altri depressori del sistema nervoso centrale, compreso l'alcol.

Trattamento

Nella maggior parte dei casi, è necessario il monitoraggio dei segni vitali.

In caso di sovradosaggio, deve essere prestata particolare attenzione alle funzioni respiratorie e cardiovascolari in terapia intensiva.

In caso di sovradosaggio, è necessario indurre il vomito (nel più breve tempo possibile e, in ogni caso, entro un'ora dalla somministrazione per via orale di midazolam) se il paziente è cosciente, oppure eseguire la lavanda gastrica mentre si proteggono le vie respiratorie se il paziente non è cosciente. Se la lavanda gastrica non risulta efficace, per ridurre l'assorbimento è necessario somministrare del carbone attivo.

Flumazenil, un antagonista delle benzodiazepine, è indicato nel caso di grave intossicazione accompagnata da depressione respiratoria o coma. Tale trattamento deve essere somministrato esclusivamente sotto stretta supervisione. L'emivita di flumazenil è breve (circa un'ora), pertanto è necessario il monitoraggio dopo che l'effetto di questo prodotto sarà esaurito. È richiesta estrema cautela nell'uso di flumazenil in caso di sovradosaggio a seguito di somministrazione concomitante di diversi farmaci in un paziente e in pazienti affetti da epilessia già trattati con benzodiazepine. Flumazenil deve essere usato con estrema cautela in pazienti trattati con antidepressivi triciclici o con farmaci epilettogeni e in pazienti con anomalie dell'ECG (prolungamento dell'intervallo QRS o QT).


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Ozased durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Non sono disponibili dati sufficienti su midazolam per valutare la sua sicurezza durante la gravidanza. Gli studi sugli animali non indicano un effetto teratogeno, ma ne è stata osservata la fetotossicità come con altre benzodiazepine. Non sono disponibili dati su gravidanze esposte durante i primi due trimestri di gravidanza.

È stato segnalato che la somministrazione di alte dosi di midazolam nell'ultimo trimestre di gravidanza, durante il travaglio o quando utilizzato come agente induttore dell'anestesia per il parto cesareo ha prodotto effetti avversi sulla madre o sul feto (rischio di inalazione per la madre, irregolarità del battito cardiaco fetale, ipotonia, scarsa suzione, ipotermia e depressione respiratoria nel neonato).

Inoltre, lattanti nati da madri che hanno assunto cronicamente benzodiazepine durante l'ultima fase della gravidanza possono aver sviluppato dipendenza fisica ed essere a rischio di sviluppare sintomi da astinenza durante la fase postnatale.

Di conseguenza, midazolam può essere usato durante la gravidanza se chiaramente necessario, ma è preferibile evitarne l'uso per il parto cesareo.

Il rischio per il neonato deve essere tenuto in considerazione nel caso di somministrazione di midazolam in qualsiasi intervento chirurgico vicino al termine.

Allattamento

Midazolam passa in piccole quantità nel latte materno. Durante l'allattamento, alle madri dovrebbe essere indicato di sospendere l'allattamento nelle 24 ore successive alla somministrazione di midazolam.

Fertilità

Gli studi animali non hanno dimostrato una riduzione della fertilità (vedere paragrafo 5.3).


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Ozased sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


OZASED compromette la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.

Sedazione, amnesia anterograda, attenzione compromessa e alterazioni della funzione muscolare possono compromettere momentaneamente la capacità di guidare veicoli e utilizzare macchinari. Prima di somministrare OZASED, il paziente deve essere avvertito di non guidare o utilizzare macchinari fino al completo recupero. Sarà il medico a decidere quando sarà possibile riprendere tali attività. Alle dimissioni, si raccomanda che il paziente venga accompagnato a casa da un adulto.


PRINCIPIO ATTIVO


Ogni ml di OZASED contiene 2 mg di midazolam.

Ogni fiala da 5 ml di OZASED contiene 10 mg di midazolam.

Eccipiente(i) con effetti noti: etanolo (inferiore a 100 mg per fiala), sodio (inferiore a 1 mmol (23 mg) per fiala), gammadex (400 mg per fiala e inferiore al livello di esposizione consentito di 20 mg/kg/giorno alla dose raccomandata).

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI


Acido citrico monoidrato, gammadex, sucralosio, aroma arancia (contiene in particolare il 70-80% di etanolo), idrossido di sodio (per la regolazione del pH), acqua da iniezione.


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 36 mesi

Non conservare a temperature superiori a 25 °C.

Non refrigerare né congelare.

Per proteggerlo dalla luce, questo medicinale deve essere conservato nella confezione originale.


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Fiala di vetro ambra da 5 ml (vetro tipo I), una cannuccia e un applicatore orale, confezionati insieme all'interno di un singolo blister

Confezione con 1 fiala, 1 cannuccia e 1 applicatore orale.

Confezione con 5 fiale, 5 cannucce e 5 applicatori orale.

Confezione con 10 fiale, 10 cannucce e 10 applicatori orale.

L'applicatore orale e la cannuccia sono monouso. L'applicatore orale presenta linee di graduazione in kg corrispondenti al peso corporeo: da 3 a 40 kg, con incrementi di un kg.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.


PATOLOGIE CORRELATE


Data ultimo aggiornamento: 01/12/2023

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico



Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Il manuale del sonno
Mente e cervello
20 aprile 2024
Libri e pubblicazioni
Il manuale del sonno
Over 60: i prebiotici migliorano la funzione cognitiva
Mente e cervello
02 aprile 2024
Notizie e aggiornamenti
Over 60: i prebiotici migliorano la funzione cognitiva
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su YoutubeSeguici su Instagram
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa