Midazolam Hameln Pharmaceuticals

28 marzo 2020

Midazolam Hameln Pharmaceuticals




Midazolam Hameln Pharmaceuticals è un farmaco a base di midazolam cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Ipnotici e sedativi benzodiazepinici. E' commercializzato in Italia da Tillomed Italia S.r.l..


Confezioni e formulazioni di Midazolam Hameln Pharmaceuticals (midazolam cloridrato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Midazolam Hameln Pharmaceuticals (midazolam cloridrato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Midazolam Hameln Pharmaceuticals (midazolam cloridrato) e perchè si usa


Midazolam-hameln 5 mg/ml è un farmaco ad azione breve di induzione del sonno con le seguenti indicazioni:

negli adulti

  • SEDAZIONE COSCIENTE da attuarsi prima e nel corso di interventi a scopo diagnostico o curativo, effettuati in presenza o in assenza di anestesia locale
  • ANESTESIA
    • Premedicazione prima dell'induzione dell'anestesia
    • Induzione dell'anestesia
    • Come componente sedativa nell'anestesia combinata
  • SEDAZIONE IN REPARTI DI TERAPIA INTENSIVA
nei bambini

  • SEDAZIONE COSCIENTE da attuarsi in precedenza e nel corso di interventi a scopo diagnostico o curativo, effettuati in presenza o in assenza di anestesia locale
  • ANESTESIA
    • Premedicazione prima dell'induzione dell'anestesia
  • SEDAZIONE IN REPARTI DI TERAPIA INTENSIVA.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Midazolam Hameln Pharmaceuticals (midazolam cloridrato)


Ipersensibilità alle benzodiazepine o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Impiego di questo farmaco per la sedazione cosciente di pazienti affetti da grave insufficienza respiratoria o depressione respiratoria acuta.



Midazolam Hameln Pharmaceuticals (midazolam cloridrato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

I dati a disposizione sul midazolam sono insufficienti per valutarne la sicurezza durante la gravidanza. Gli studi condotti sugli animali non indicano un effetto teratogeno, tuttavia è stata osservata fetotossicità come con altre benzodiazepine. Non sono disponibili dati su gravidanze esposte per i primi due trimestri di gravidanza.

La somministrazione di dosi elevate di midazolam nell'ultimo trimestre di gravidanza, durante il travaglio o se usato come farmaco induttivo dell'anestesia per il taglio cesareo ha causato effetti avversi sulla madre o sul feto (rischio d'inalazione nella madre, irregolarità del battito cardiaco nel feto, ipotonia, suzione difettosa, ipotermia e depressione respiratoria nel neonato).

Inoltre, i bambini nati da madri che hanno ricevuto benzodiazepine in maniera cronica durante l'ultima fase della gravidanza possono sviluppare una dipendenza fisica e possono essere soggetti allo stesso rischio di sviluppo di sintomi da astinenza nel periodo post-natale.

Di conseguenza, il midazolam non dovrebbe essere utilizzato in gravidanza, salvo quando strettamente necessario. È preferibile evitarne l'uso per il taglio cesareo.

Il rischio per il neonato dovrebbe essere preso in considerazione in caso di somministrazione di midazolam per qualsiasi intervento chirurgico prossimo al parto.

Allattamento

Il midazolam passa in quantità ridotte nel latte materno. Alle madri che allattano si dovrebbe consigliare di interrompere l'allattamento al seno per 24 ore dopo la somministrazione di midazolam.



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube