Potassio Canrenoato Pensa

06 aprile 2020

Potassio Canrenoato Pensa




Potassio Canrenoato Pensa è un farmaco a base di potassio canrenoato, appartenente al gruppo terapeutico Diuretici. E' commercializzato in Italia da Pensa Pharma S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Potassio Canrenoato Pensa (potassio canrenoato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Potassio Canrenoato Pensa (potassio canrenoato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Potassio Canrenoato Pensa (potassio canrenoato) e perchè si usa


Iperaldosteronismo primario, stati edematosi da iperaldosteronismo secondario (scompenso cardiaco congestizio, cirrosi epatica in fase ascitica, sindrome nefrosica) ed ipertensione arteriosa essenziale laddove altre terapie non sono risultate sufficientemente efficaci o tollerate.



Come usare Potassio Canrenoato Pensa (potassio canrenoato): posologia, dosi e modo d'uso


Secondo parere medico, 50-200 mg al dì, in relazione al tipo ed alla gravità dell'affezione. Nel trattamento di pazienti anziani la posologia deve essere attentamente stabilita dal medico che dovrà valutare un'eventuale riduzione dei dosaggi sopraindicati.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Potassio Canrenoato Pensa (potassio canrenoato)


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Insufficienza renale acuta e cronica, anuria, iperpotassiemia, iposodiemia,



Potassio Canrenoato Pensa (potassio canrenoato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Nelle donne in stato di gravidanza il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessita, sotto il diretto controllo del medico. Il prodotto non va usato durante l'allattamento.



Quali sono gli effetti collaterali di Potassio Canrenoato Pensa (potassio canrenoato)


Molte delle reazioni avverse in seguito riportate sono reversibili e/o rispondono ad una riduzione del dosaggio.

Le reazioni di seguito riportate sono indicate in ordine di frequenza decrescente di comparsa: molto comune (>1/10),comune (>1/100, <1/10), non comune (>1/1000, <1/100), raro (>1/10.000, <1/1000), molto raro (<1/10.000), non noto (la frequenza non può essere stimata dai dati disponibili).

Patologie del sistema nervoso

Non comune: rialzi termici, tendenza all'atassia.

Raro: sonnolenza

Patologie gastrointestinali

Raro: nausea, dolori addominali tipo crampi

Non noto: vomito, ulcera peptica

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Non comune: eruzioni cutanee su base allergica.

Patologie dell'apparato riproduttivo e della mammella

Non comune: ginecomastia, disturbi transitori della libido, irregolarità mestruali

Patologie endocrine

Non comune: lievi effetti androgeni (irsutismo)

Patologie vascolari

Non noto: ematemesi

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Non noto: iperkaliemia, iponatriemia, acidosi metabolica, porfiria

Esami diagnostici

Non noto: rialzi azotemici



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube