Sectral

21 gennaio 2020

Sectral




Sectral è un farmaco a base di acebutololo cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Betabloccanti selettivi. E' commercializzato in Italia da Sanofi S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Sectral (acebutololo cloridrato) disponibili


Seleziona una delle seguenti confezioni di Sectral (acebutololo cloridrato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Sectral (acebutololo cloridrato) e perchè si usa


Ipertensione arteriosa di qualsiasi tipo e gravità; angina pectoris, tachiaritmie sopraventricolari (tachicardia sinusale, fibrillazione, aritmie extrasistoliche, flutter atriale); tachicardia ventricolare; aritmie da iperdigitalizzazione; alterazioni del ritmo da iperstimolazione adrenergica.



Come usare Sectral (acebutololo cloridrato): posologia, dosi e modo d'uso


Le compresse vanno deglutite intere con poco liquido, preferibilmente prima dei pasti.

Ipertensione

Posologia iniziale 400 mg/die per os, in dose unica o in due dosi di 200 mg. Se la risposta non è adeguata la posologia può venire aumentata a 800-1200 mg/die (2-3 somministrazioni).

Angina pectoris

Solitamente 400 mg/die per os, in 1-2 somministrazioni. Nelle forme più gravi la posologia può venire aumentata a 800 mg/die (2-4 somministrazioni).

Aritmie cardiache

Si consiglia di iniziare la terapia orale con una dose di 200 mg. La somministrazione di Sectral per via orale esplica il suo pieno effetto circa tre ore dopo l'assunzione. Di norma sono sufficienti 400 mg/die (2 dosi di 200 mg), ma alcuni soggetti possono richiedere una posologia di 600 mg/die (3 dosi di 200 mg).

Pazienti con alterata funzionalità renale ed epatica: il dosaggio di Sectral va stabilito con attenzione.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Sectral (acebutololo cloridrato)


Sectral non dev'essere somministrato nei seguenti casi:

  • ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti o ad altri beta-bloccanti;
  • shock cardiogeno;
  • ipotensione. Estrema cautela è richiesta nel caso di pazienti con pressione dell'ordine di 100/60 mmHg o inferiore.
  • blocco A-V di secondo e terzo grado;
  • sindrome del nodo seno-atriale;
  • blocco seno-atriale;
  • bradicardia spiccata (<45-50 bpm);
  • insufficienza cardiaca scompensata;
  • acidosi metabolica;
  • gravi disturbi circolatori periferici;
  • feocromocitoma non trattato;
  • iperreattività bronchiale (ad esempio nell'asma bronchiale).



Sectral (acebutololo cloridrato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Sectral non deve essere somministrato nelle donne durante il primo trimestre di gravidanza a meno che il medico non lo ritenga indispensabile. In tali casi deve essere utilizzata la dose più bassa possibile.

I beta-bloccanti somministrati negli ultimi mesi di gravidanza possono dare luogo a bradicardia, ipoglicemia e complicazioni polmonari o cardiache nel feto/neonato.

I beta-bloccanti possono ridurre la perfusione placentare che può causare morte fetale intrauterina e parti prematuri e neonati immaturi.

Se il trattamento con Sectral deve essere continuato perchè ne sussistono le indicazioni mediche, esso deve essere interrotto non più tardi di 48-72 ore prima di quando è attesa la nascita, perchè altrimenti c'è la possibilità di bradicardia, ipotensione, ipoglicemia e depressione respiratoria (asfissia neonatale) nel neonato.

Se il trattamento con Sectral non può essere interrotto prima della nascita, il neonato deve essere accuratamente monitorato durante le prime 48-72 ore di vita.

Studi sugli animali non hanno dimostrato alcun rischio teratogeno.

Allattamento

Acebutololo e il suo metabolita attivo sono escreti nel latte materno e i suoi effetti sono stati evidenziati nei neonati di madri trattate allattati al seno.

Sectral non deve essere usato durante l'allattamento.



Sectral (acebutololo cloridrato) è utilizzato per la cura delle seguenti patologie:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube