Travogen

10 aprile 2020

Travogen




Travogen è un farmaco a base di isoconazolo nitrato, appartenente al gruppo terapeutico Antimicotici. E' commercializzato in Italia da Leo Pharma S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Travogen (isoconazolo nitrato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Travogen (isoconazolo nitrato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Travogen (isoconazolo nitrato) e perchè si usa


Micosi superficiali (dermatofizie, candidosi, pityriasis versicolor) eritrasma.



Come usare Travogen (isoconazolo nitrato): posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Salvo diversa prescrizione medica la posologia di Travogen è di 1 applicazione al giorno sull'area della pelle interessata.

Un trattamento locale delle infezioni da miceti deve avere, in genere, la durata di 2-3 settimane e talora anche di 4 nei casi di infezioni refrattarie. Su specifica prescrizione medica sono possibili trattamenti anche di durata maggiore. Per evitare recidive è opportuno che il trattamento sia proseguito per almeno due settimane dopo la guarigione clinica.

Popolazione pediatrica

Non sono necessari aggiustamenti del dosaggio quando Travogen venga somministrato ai lattanti, ai bambini ed agli adolescenti.

Pur essendo l'esperienza clinica nella popolazione pediatrica molto più limitata, il medicinale può essere utilizzato nei soggetti di questa età secondo indicazione del medico.

Modo di somministrazione

Uso cutaneo.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Travogen (isoconazolo nitrato)


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.



Travogen (isoconazolo nitrato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

L'esperienza con l'uso di preparazioni contenenti isoconazolo nitrato durante la gravidanza non indica rischi teratogeni per l'uomo.

Si consiglia l'uso in gravidanza, dopo aver consultato il medico.

Allattamento

Non è noto se l'isoconazolo nitrato viene escreto nel latte materno umano. Non è possibile escludere rischi di esposizione per il lattante.

Le donne in allattamento non devono applicare il medicinale sui capezzoli per evitare l'accidentale ingestione di Travogen da parte del bambino.

La somministrazione di Travogen durante l'allattamento deve essere presa in considerazione solo se il beneficio atteso per la madre supera il rischio per il bambino.

Fertilità

I dati preclinici non hanno evidenziato rischi per la fertilità.



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube