Un batterio per amico

21 febbraio 2020

Un batterio per amico


Anche noi uomini viviamo in simbiosi con alcune creature. Più che alcune bisognerebbe dire moltissime: volendo quantificare sarebbe meglio dire milioni, miliardi.
Nell'intestino se ne stima una quantità esagerata: dieci volte il numero totale delle cellule che compongono il nostro organismo. Sono per lo più batteri, ma anche funghi e protozoi. Sono la nostra flora intestinale. Un insieme di centinaia di specie diverse che contribuiscono al nostro benessere. Hanno funzioni molto precise: favoriscono la digestione degli alimenti, producono vitamine indispensabili all'organismo, come la biotina e la vitamina K, stimolano positivamente il sistema immunitario, impediscono a germi patogeni di insediarsi e farci ammalare (per citare solo alcune delle funzioni più importanti).
In situazioni di equilibrio sono una ricchezza. Una ricchezza che acquisiamo poco dopo la nascita. Il feto, infatti, è sterile, cioè non alberga questo tipo di "ospiti". Che hanno nomi molto astrusi, alcuni sono aerobi, richiedono cioè la presenza di aria per vivere, altri sono anaerobi e necessitano invece dell'assenza di aria per sopravvivere.
Come tutti gli ecosistemi, la flora intestinale è soggetta a cambiamenti perché le condizioni ambientali, all'interno del tratto digerente, possono variare. La quantità di ossigeno, il livello di acidità (pH), lo spostamento del contenuto intestinale (peristalsi) sono alcuni dei fattori che ne regolano la crescita.
I batteri sono in equilibrio con il nostro organismo e tra di loro, tenendo presente che si tratta di un enorme numero di specie diverse che condividono lo stesso ambiente.
Poiché costituiscono la maggior parte del materiale fecale e producono i gas intestinali, possiamo facilmente capire quando c'è qualcosa che non va, cioè quando da una situazione di eubiosi si passa a una situazione di disbiosi, ossia di disequilibrio. Alcuni dei sintomi sono un eccesso di gas con gonfiore o flatulenza, stipsi, spasmi addominali, diarrea. Talvolta possono dipendere da ciò che si è mangiato, talvolta da terapie mediche (quali trattamenti con antibiotici, sulfamidici, cortisonici, eccesso di lassativi).
L'assunzione di batteri "amici", capaci di arrivare vivi nell'intestino, in questi casi può aiutare a rimettere in ordine le cose. A ripristinare la nostra preziosa simbiosi.

1) Che cosa significa simbiosi?


2) In che cosa consiste la simbiosi mutualistica?


3) Gli esseri umani vivono in simbiosi con qualche altro organismo?


4) Quale tipo di organismi è più numeroso nella simbiosi con l'uomo?


5) Quando acquisiamo i microrganismi simbionti?


6) In quale parte del corpo umano sono più numerosi i batteri simbionti?


7) I batteri che colonizzano il nostro intestino sono:


8) Che cosa si intende per flora intestinale?


9) Quale tra le seguenti funzioni non è svolta dalla flora intestinale?


10) L'ambiente intestinale può essere assimilato a un ecosistema?


11) Gli ecosistemi sono:


12) In che cosa consistono principalmente i cambiamenti dell’ecosistema intestinale?


13) Perché la flora intestinale è sensibile agli antibiotici?


14) In caso di terapia antibiotica protratta può essere utile assumere preparati per ripristinare la flora intestinale?


15) Che cos’è la disvitaminosi?


16) Un preparato per la flora intestinale può essere somministrato in presenza di disvitaminosi?


17) A che cosa servono le vitamine?





N.B. Ricorda che questo test non ha valore senza il parere di un medico. Se pensi di avere qualche problema non perdere tempo e parlane con il tuo medico di fiducia.


Quiz e test della salute:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Emorroidi
16 gennaio 2020
Patologie mediche
Emorroidi
Pancia piatta: come ottenerla
10 gennaio 2020
Notizie e aggiornamenti
Pancia piatta: come ottenerla
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube