Rettorragia

26 novembre 2019

Rettorragia


La rettorragia è la fuoriuscita di sangue dall'ano. E' un evento molto frequente, tanto che circa il 15% di persone riferiscono di averlo notato almeno una volta in un anno.

Come si manifesta


La gravità, intesa come quantità di sangue emesso, viaria ampiamente.
La maggior parte degli episodi di rettorragia sono minimi: si può avere l'emissione di alcune gocce di sangue, che rendono rosata l'acqua del water, oppure notare tracce di sangue sulla carta igienica. Il sanguinamento si ferma in pochi minuti.
La rettorragia può anche manifestarsi con l'emissione di abbondante quantità di sangue rosso vivo oppure marrone, spesso insieme alle feci. Si può associare anche diarrea.

Quando andare al Pronto Soccorso


Il Pronto Soccorso serve per gestire i casi di emergenza. Recarsi al Pronto Soccorso per un episodio minimo di rettorragia, non associato ad altri sintomi, è inutile.
Bisogna andare al Pronto Soccorso quando:

  • La rettorragia è abbondante
  • Si associa a dolore addominale e/o anale
  • Si assumono farmaci anticoagulati per via orale (warfarina).

Quando recarsi dal medico di medicina generale

  • Sempre al primo episodio
  • Se non si è eseguita una colonscopia negli ultimi 5 anni
  • Se si è già avuta una diagnosi di neoplasia benigna (polipo) o maligna (cancro del colon)
  • Se si ha avuto già una diagnosi di malattia infiammatoria cronica dell'intestino (morbo di Crohn, rettocolite ulcerosa).

Quando non rivolgersi al medico

Episodio di rettorrogia minore con diagnosi nota di patologia anorettale benigna (emorroidi, ragade, fistola).

Conclusioni

La rettorragia non deve essere mai trascurata. Un medico va praticamente sempre consultato. Solo in una minoranza di casi bisogna andare d'urgenza al Pronto Soccorso.




Patologie e sintomi:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube