Cosa è successo a  Wuhan a fine estate 2019?

10 giugno 2020
News

Cosa è successo a Wuhan a fine estate 2019?


Cosa ha nascosto la Cina sull'epidemia di coronavirus? È una domanda che tutto il mondo si pone da gennaio. Alcuni ricercatori dell'università di Harvard hanno cercato una risposta analizzando i dati provenienti dai satelliti e hanno scoperto un traffico anomalo negli ospedali di Wuhan dalla fine della scorsa estate. In quel periodo, secondo lo studio guidato dal Dr. John Brownstein, professore di Harvard, da quella zona è partito un picco di ricerche su internet dei sintomi tipici del Coronavirus, come tosse, diarrea, difficoltà respiratoria, eccetera.

Utilizzando tecniche simili a quelle impiegate dalle agenzie di intelligence, il team di ricerca ha analizzato le immagini satellitari e "ha osservato un drammatico aumento del traffico ospedaliero al di fuori dei cinque principali ospedali di Wuhan a partire dalla fine dell'estate e all'inizio dell'autunno 2019".

Secondo Brownstein, l'aumento del traffico automobilistico "coincide anche con l'incremento di query di ricerca su Internet di determinati sintomi che in seguito sarebbero risultati strettamente associati al nuovo coronavirus".

Sebbene Brownstein abbia riconosciuto che le prove sono circostanziali, ha affermato che lo studio costituisce un nuovo importante punto per chiarire il mistero delle origini di COVID-19.

"Qualcosa stava accadendo in ottobre", sostiene Brownstein, responsabile dell'innovazione presso l'ospedale pediatrico di Boston e direttore del laboratorio di epidemiologia computazionale del centro medico. "Chiaramente, c'era un certo livello di disgregazione sociale che si stava verificando ben prima di quello che è stato identificato come l'inizio della nuova pandemia di coronavirus."

Il coronavirus ha attraversato il globo infettando quasi 7 milioni di persone e uccidendone oltre 400.000 in tutto il mondo, secondo un conteggio della Johns Hopkins University. Si ritiene che il virus sia passato dalle specie animali agli umani, dove è diventato un killer naturale più potente dalla pandemia di influenza spagnola di un secolo fa.

Poiché l'origine di un nuovo virus è difficile da individuare ma è di fondamentale importanza per gli scienziati, gli esperti di tutto il mondo stanno lavorando per scoprire i segreti del patogeno formalmente noto come SARS-CoV2.

Brownstein e il suo team, che includeva ricercatori dell'Università di Boston e dell'Ospedale pediatrico di Boston, hanno trascorso più di un mese nel tentativo di individuare i segnali di quando la popolazione della provincia di Hubei in Cina cominciò a essere colpita.

La logica del progetto di ricerca di Brownstein era semplice: le malattie respiratorie portano a tipi di comportamento molto specifici nelle comunità in cui si stanno diffondendo. Quindi, le immagini che mostrano questi modelli di comportamento potrebbero aiutare a spiegare cosa stava succedendo.

L'immagine restituita dai dati non è di per sé conclusiva, riconosce Brownstein, ma "si tratta di un crescente numero di informazioni che indicano qualcosa che accadeva a Wuhan in quel momento". "Sono ancora necessari molti studi per scoprire ciò che è accaduto e affinché si capisca come realmente si manifestano ed emergono questi focolai nelle popolazioni. Quindi questo è solo un altro punto di partenza. "

L'ecologo patogeno Peter Daszak, presidente dell'Associazione no profit EcoHealth di Manhattan, ha affermato che lo studio di Harvard "è assolutamente affascinante".

David Perlin, direttore scientifico del Center for Discovery and Innovation nel New Jersey, ha dichiarato di essere stato incuriosito dalla ricerca di Brownstein, ma di non esserne rimasto del tutto convinto.
"Penso che alcuni dei metodi siano discutibili e la loro interpretazione sia leggermente troppo interpretata", ha detto Perlin. "Il problema è che qui abbiamo solo un sottoinsieme di dati. Mi preoccupo sempre quando le persone iniziano a trarre inferenze da sottoinsiemi di dati, raccogliendo dati [come le ricerche su Internet]. "

Le fotografie scattate dallo spazio suggeriscono una crisi in atto


A partire da quasi 350 immagini catturate da satelliti privati ​​che circondano il globo, negli ultimi due anni, lo studio di Brownstein ha esaminato i dati del traffico dei principali ospedali di Wuhan. Tra queste c'erano fotografie scattate dallo spazio approssimativamente ogni settimana o a settimane alterne fino all'autunno del 2019. I ricercatori hanno selezionato 108 immagini utilizzabili, che mostrano luoghi senza ostruzioni da smog, edifici alti, nuvole o altre caratteristiche che potrebbero complicare l'analisi.

Il 10 ottobre 2018 c'erano 171 macchine nel parcheggio dell'ospedale Tianyou di Wuhan, uno dei più grandi della città. Un anno dopo, i satelliti hanno registrato 285 automobili, un aumento del 67%, secondo i dati esaminati dai ricercatori.

Altri ospedali hanno mostrato un aumento del 90% rispetto all' l'autunno del 2018. Alla Wuhan Tongji Medical University, è stato riscontrato che il picco del traffico automobilistico si è verificato a metà settembre 2019.

Per assicurarsi che non stessero giungendo a conclusioni errate, i ricercatori hanno affermato di aver preso in considerazione tutto ciò che potrebbe spiegare diversamente le ondate di traffico, dalle grandi riunioni pubbliche alla possibilità di nuove costruzioni negli ospedali.

Brownstein ha affermato che, insieme ai suoi ricercatori, i dati sul traffico ospedaliero sono ancora più convincenti dopo aver analizzato le parole chiave ricercate su Internet. Intorno al periodo in cui il traffico dell'ospedale stava aumentando, c'è stato un picco nel traffico online nella regione di Wuhan tra gli utenti che chiedevano al motore di ricerca cinese "Baidu", informazioni su "tosse" e "diarrea". "Mentre le query sul sintomo respiratorio" tosse "mostrano fluttuazioni stagionali che coincidono con le stagioni annuali dell'influenza, la" diarrea " è un sintomo più specifico di COVID-19 e mostra un'associazione con l'attuale epidemia. L'aumento di entrambi i segnali precede l'inizio documentato della pandemia di COVID-19 a dicembre."

"Ora, non possiamo confermare al 100% quale fosse il virus che stava causando questa malattia e ciò che stava causando questa attività negli ospedali", continua Brownstein. "Ma stava succedendo qualcosa che sembrava molto diverso rispetto a qualsiasi altra volta."


Fonti:

https://dash.harvard.edu/handle/1/42669767

http://glbnews.com/url.html?p=https://www.goodmorningamerica.com/news/story/satellite-data-suggests-coronavirus-hit-china-earlier-researchers-71123270





Speciale Coronavirus:
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube