Covid-19, l'intelligenza artificiale può prevedere l'evoluzione della malattia

28 dicembre 2020
Aggiornamenti e focus

Covid-19, l'intelligenza artificiale può prevedere l'evoluzione della malattia


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter
Un nuovo punteggio basato sull'intelligenza artificiale, che considera vari fattori per predire la prognosi di pazienti con Covid-19, può essere utilizzato per determinare rapidamente e automaticamente quali pazienti hanno maggiori probabilità di sviluppare complicazioni e necessitano di essere ricoverati in ospedale. Questa è la conclusione a cui sono giunti Brandon Westover, del Massachussetts General Hospital, e il suo gruppo di lavoro, in uno studio pubblicato sul Journal of Infectious Diseases.

Il punteggio, chiamato Covid-19 Acuity Score (CoVA), è basato sulle informazioni ottenute da 9.381 pazienti ambulatoriali adulti visitati tra il 7 marzo e il 2 maggio 2020. «L'ampia dimensione del campione ha contribuito a garantire che il modello di apprendimento automatico fosse in grado di imparare quale dei molti diversi dati disponibili consente previsioni affidabili sul corso del Infezione da Covid-19» spiegano gli autori. CoVA è stato poi testato su altri 2.205 pazienti visitati tra il 3 e il 14 maggio per verificare che il punteggio funzionasse effettivamente sui nuovi pazienti, nel mondo reale. In questo gruppo di convalida prospettica, entro sette giorni il 26,1% dei pazienti è stato ricoverato, il 6,3% è andato incontro a malattia critica e lo 0,5%, è deceduto, e CoVA ha dimostrato prestazioni eccellenti nel prevedere quali pazienti sarebbero rientrati in queste categorie. Tra i 30 predittori, che includevano dati demografici come età e sesso, stato del test Covid-19, segni vitali, anamnesi medica e risultati della radiografia del torace, i primi cinque per rilevanza nella determinazione dell'evoluzione della malattia sono stati età, pressione diastolica, saturazione di ossigeno nel sangue, stato del test Covid-19 e frequenza respiratoria. Gli esperti affermano che, anche se molti altri gruppi hanno sviluppato punteggi di rischio per le complicanze del Covid-19, il loro è l'unico che si basa su un campione di pazienti così ampio, e che è stato validato prospetticamente e progettato specificatamente per l'uso in ambito ambulatoriale, piuttosto che per pazienti che sono già ricoverati in ospedale. «CoVA è progettato in modo che il punteggio automatizzato possa essere incorporato nei sistemi di cartelle cliniche elettroniche. Ci auguriamo che sia utile in caso di futuri picchi di Covid-19, quando le valutazioni cliniche rapide possono essere critiche» concludono i ricercatori.

Fonte: Doctor33

Riferimenti bibliografici:

Tags:

Speciale Coronavirus:
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa