Brusca diminuzione del colesterolo

19 giugno 2006

Brusca diminuzione del colesterolo


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


15 giugno 2006

Brusca diminuzione del colesterolo

Egregio Dottore, scrivo esponendovi una questione che riguarda mio papà (del quale riporto i dati compilando gli appositi spazi). Agli inizi dello scorso aprile mio papà ha eseguito le analisi del sangue, dalle quali è emersa la presenza di colesterolo elevato (colesterolo HDL 56; colesterolo LDL 186; colesterolo totale 259; trigliceridi 198). Il medico gli ha, quindi, prescritto il "Crestor 10 mg", che mio papà prende regolarmente da circa due mesi. Due giorni fa ha ricevuto il referto delle ultime analisi del sangue, delle quali riporto i valori, credo, più significativi: colesterolo HDL 52, colesterolo LDL 87, colesterolo totale 153, trigliceridi 152. Il valore che per primo ci ha "allarmati" è stato quello relativo al colesterolo LDL, ora decisamente diminuito (risulta addirittura inferiore al target di riferimento). Mio papà ha già consultato il medico di famiglia, il quale l'ha rassicurato, dicendogli che quanto riscontrato è logica conseguenza della cura intrapresa e che, anzi, è da considerarsi fattore positivo. Il farmacista di fiducia, presso il quale mio papà ha oggi acquistato altre scatole di "Crestor", ha invece espresso parecchi dubbi sul valore molto basso di colesterolo LDL, il che, come può comprendere, ha generato in noi un po' di preoccupazione, essendo profani in materia. Gentile Dottore, qual è la Sua opinione in proposito? Cosa sta a significare quella notevole diminuzione del valore relativo al colesterolo LDL? La ringrazio molto. Distinti Saluti

Risposta del 18 giugno 2006

Risposta a cura di:
Dott. ROBERTO BERTONCELLI


Non si preoccupi, va tutto molto bene. Le ultime linee guida internazionali prevedono che il colesterolo LDL (cioè "quello cattivo") debba essere inferiore a mg. 160 in tutti i casi, inferiore a mg. 100 se il paziente ha un rischio cardiovascolare del 20% (che si calcola con un'apposita carta del rischio) ed inferiore addirittura a mg. 70 in presenza di una patologia vascolare. Continui pertanto l'assunzione del farmaco che ha dimostrato una buona efficacia.

Dott. Roberto Bertoncelli
Medico Ospedaliero
Specialista in Geriatria
Specialista in Medicina interna
Specialista in Psicologia
BOLOGNA (BO)

Risposta del 19 giugno 2006

Risposta a cura di:
Dott. RAFFAELE CANALI


Non deve stupirsi della diminuzione di ldl colesterolo ottenuta, nè tantomeno preoccuparsi, in quanto per ldl colesterolo vale il principio "lower is better". Tuttavia, come elencato dalla precedente risposta del collega, i livelli di ldl colesterolo variano a seconda del rischio cardiovascolare(fumo, Diabete, Ipertensione ecc), quindi, se sono scarsi i fattori di rischio, potrebbe essere sufficiente portare ldl ch inf. A 130, usando statine meno potenti, piu' studiate, con sca rsi effetti collaterali, e che hanno dimostrato oltre alla riduzione di ldlch, una diminuzione di eventi cardiovascolari(questi ultimi, per il momento non dimostrati da rosuvastatina). Buona giornata.

Dott. Raffaele Canali
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Endocrinologia e malattie ricambio
DESIO (MI)

Ultime risposte di Malattie infettive

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa