Cefalea tensiva con origine ansiosa cronica

12 febbraio 2012

Cefalea tensiva con origine ansiosa cronica


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


05 febbraio 2012

Cefalea tensiva con origine ansiosa cronica

Soffro da compimento dei 40 anni di cefalea tensiva di origine ansiosa cronica. Ne ho 49, posso sperare in una diminuzione degli episodi con l'avanzare dell'età?

Risposta del 06 febbraio 2012

Risposta a cura di:
Dott. MARCO PAOLEMILI


Si, può sperare, ma per rendere concreta questa riduzione non può che affrontare e curare la sua Ansia, con una psicoterapia o con una terapia farmacologica.

Dott. Marco Paolemili
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Ricercatore
Specialista in Psichiatria
Roma (RM)
Risposta del 09 febbraio 2012

Risposta a cura di:
Prof. GIOVANNI GIANNELLI


Si provando con agopuntura o tecniche di rilassamento in aggiunta. Importante anche implementare la propria attività motoria. alimentazione più ricca di pesce frutta e verdure.

Prof. Giovanni Giannelli
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Neurologia
Specialista in Psichiatria
Cesena (FC)
Risposta del 12 febbraio 2012

Risposta a cura di:
Dott. MARIO GHIOZZI


Penso che con l'età il suo disturbo sia destinato a peggiorare. Nei casi di Cefalea su base ansiosa si ha na buona risposta con amitriptilina a basse dosi.

Dott. Mario M. Ghiozzi
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
Livorno (LI)

Ultime risposte di Mente e cervello

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Giada: la prima app per il percorso di cura della depressione
Mente e cervello
04 maggio 2021
Notizie e aggiornamenti
Giada: la prima app per il percorso di cura della depressione
Aiutiamo i giovani. Intervista a Stefano Vicari, neuropsichiatra
Mente e cervello
27 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Aiutiamo i giovani. Intervista a Stefano Vicari, neuropsichiatra
Malattie degenerative: scoperti meccanismi di vulnerabilità cellulare
Mente e cervello
10 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Malattie degenerative: scoperti meccanismi di vulnerabilità cellulare