Dolori al risveglio (2)

11 dicembre 2004

Dolori al risveglio (2)




Domanda del 08 dicembre 2004

Dolori al risveglio (2)


Gentili dottori, grazie per le sollecite risposte che mi avete fornito, di seguito le ulteriori informazioni richieste. Tutto è iniziato verso la fine di marzo quando, al risveglio, ho cominciato ad avere problemi ai polsi (soprattutto a quello destro) e alle mani, con conseguenti difficoltà a prendere pesi o a compiere sforzi anche limitati come aprire una bottiglia. Accusavo inoltre dolori alle dita in seguito a pressione anche limitata. Mi sono recata dal mio medico che mi ha fatto fare delle analisi tese ad escludere dolori reumatici (analisi del sangue, VES, ecc., che hanno dato risultati assolutamente nella norma) quindi sono andata da un neurologo che mi ha fatto fare una elettromiografia, una risonanza magnetica tratto cervicale ed altre analisi, sempre senza che emergesse nulla di anormale tranne, come ho specificato nell'altra lettera, l'esistenza di un nodulo tiroideo di 1 cm. Col passare del tempo però i disturbi sono aumentati e peggiorati: da un po' di tempo al risveglio non solo ho la mano destra completamente bloccata tanto che se cerco di chiudere il pugno mi rimane a metà, ma ho difficoltà di movimento anche con il braccio destro, che inizio a muovere quasi normalmente solo dopo circa un'ora dal momento in cui mi alzo. Ultimamente ho constatato che questa situazione non si verifica solo al mattino ma anche dopo periodi limitati di inattività. Inoltre avverto delle pulsazioni sia alle gambe che alle braccia, e il dolore è più intenso nel dito medio della mano destra. Infine ho problemi ad addormentarmi, mi sveglio spesso e sono una persona molto ansiosa. Il mio lavoro mi porta a stare in piedi 6/7 ore al giorno. Il medico curante, visti gli esiti delle analisi, non sapendo che pesci prendere, mi ha consigliato una visita presso un fisiatra. Distinti saluti, Bina 76
Risposta del 11 dicembre 2004

Risposta di:
Dott.ssa GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Direi che potrebbe mancare la visita presso un ortopedico specializzato in chirurgia della mano.
Se senza esito, si rivolga a un buon agopuntore e veda un po' che tipo di diagnosi sono in grado di fare prendendo in considerazione parametri diversi dai nostri.
Un caro saluto.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Malattie infettive


Vedi anche:


Potrebbe interessarti
Tosse
20 dicembre 2018
Patologie
Tosse
Influenza
17 dicembre 2018
Patologie
Influenza