Peniccillina

17 febbraio 2006

Peniccillina




13 febbraio 2006

Peniccillina

Salve, avrei una domanda da porvi. Mi chiamo Irene ed ho 20 anni, soffro d'asma e poco fa ho dovuto iniziare una terapia di penicillina alla quale non sono risultata allergica, per abbassare il livello dello streptococco alto a 932, pur essendo stata operata alle tonsille. Vorrei sapere quali sono però gli effetti che questo medicinale ha come conseguenze; Ve lo chiedo perchè oltre ad avere sonnolenza e scarsa fame, ho anche delle perdite non indifferenti e in pratica incontrollabili di liquido uguale ad acqua, tanto da dover tenere un assorbente. E' normale? Ho pensato che forse il mio corpo espelle la penicillina in eccesso. Aspetto vostra risposta. Cordiali saluti, Irene.

Risposta del 16 febbraio 2006

Risposta a cura di:
Prof. GIUSEPPE DI PIETRO


Teoricamente visto una mancata risposta immediata da intolleranza alla penicillina è verosimile che il disagio delle vie urinarie sia da ricolegare ad una Vaginite micotica o ad una infezione strepto stafilococcica.
Opportuno tampone vaginale con antibiogramma.
Alla risolouzione di tale problema usare ilprotocollo standard ( penicillina - aspirina o cortisone ) per l'eradicazione dello streptococco

Prof. Giuseppe Di Pietro
Medicina generale convenz.

Risposta del 16 febbraio 2006

Risposta a cura di:
Dott. TONINO GRASSO


Il TAS elevato di per sè non costituisce un segno di malattia. Occorre che vi siano indici di infiammazione alti (VES, PCR). Ascolti il parere di un Internista o di un Reumatologo circa la necessità di fare, in assenza di segni di malattia, il trattamento con penicillina. Infatti i disturbi lamentati sono molto generici e non sicuramente riconducibili a fatti infettivi o flogistici in atto. Per le perdite vaginali farei una visita ginecologica, per escludere una patologia locale.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)

Risposta del 17 febbraio 2006

Risposta a cura di:
Dott. ALBERTO MOSCHINI


Infatti l'operazione alle tonsille non serve a niente, perchè lo streptococco si infila a tutte le parti. Si deve agire sul recettore che utilizza questo batterio per attaccarsi alle cellule, il CD44, farmaci omeopatici di similitudine di malattia e di sintomi, in presenza di batteri o virus l'assnzione di cortisone diventa veramente pericolosa, amplifica la risposta batterica e virale, permettendo la oro replicazione incontrollata. La pennicillina, anche se non risultano allergie, è tossica e potrebbe dare problemi in futuro, inoltre sterilizza la flora intestinale, porta alla Stitichezza ed abbassa le IgA. Inoltre studi hanno dimostrato che l'utilizzo prolungato di aspirina o similari, può portare al cancro del Pancreas, ma non solo, altera i mitocondri e tutti i processi di respirazione cellulare. Inoltre è Asma tica, quindi ha uno spostamento di rsiposta dei linfociti Th1- Th2, su cui bisogna agire.
SAluti Alberto Moschini

Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia, agopuntura. . . )
MASSA (MS)

Ultime risposte di Malattie infettive

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa